HomeBanche d'Italia

Al via l’Osservatorio sulla desertificazione bancaria

Al via l’Osservatorio sulla desertificazione bancaria

Moody’s poche banche comunicano i rischi climatici associati ai portafogli
Banche, Padoan (Unicredit): “Fusioni? Occasioni perché diventino più europee”
Monte Paschi Siena più forza alle Persone

In Italia c’è un’area vasta quanto i territori di Lombardia, Veneto e Piemonte messi assieme totalmente sprovvista di sportelli bancari. Per milioni di nostri concittadini – si pensi agli anziani – significa dover sopportare pesanti disagi per accedere a servizi necessari alla loro vita quotidiana. E negli ultimi anni il problema si è perfino aggravato, senza che il ricorso sempre più spinto al digitale riuscisse a tamponare le falle apertesi nel frattempo.

Per questo First Cisl ha deciso di lanciare un Osservatorio sulla desertificazione bancaria che riporta gli studi e le analisi del Comitato scientifico della Fondazione Fiba. Grazie alle informazioni e agli strumenti presenti in questa sezione del sito sarà possibile seguire l’evoluzione di un fenomeno che, da tempo, presenta i tratti dell’allarme sociale.

Non sono infatti solo le persone a subire le conseguenze dell’abbandono dei territori da parte delle banche. Anche per molte piccole imprese la chiusura delle filiali rappresenta un problema rilevante. Un problema che si riassume semplicemente con due parole: meno credito. La finalità dell’Osservatorio è quindi quella di sensibilizzare l’opinione pubblica e la classe politica sulle conseguenze che la desertificazione bancaria comporta per lo sviluppo del Paese e la tenuta del suo tessuto sociale.

Fonte: Firstcisl.it

Commenti