HomeLa Riflessione

๐—จ๐—ป๐—ฎ ๐˜€๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ฒ๐—ป๐˜‡๐—ฎ ๐—ฏ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ถ๐—ฎ ๐—น๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ๐˜€๐—ฐ๐—ฟ๐—ถ๐—บ๐—ถ๐—ป๐—ฎ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ฟ๐˜€๐—ผ ๐—ถ ๐—ฑ๐—ถ๐—ฝ๐—ฒ๐—ป๐—ฑ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ถ ๐—ฝ๐˜‚๐—ฏ๐—ฏ๐—น๐—ถ๐—ฐ๐—ถ: ๐—น๐—ฎ ๐—ฃ๐—ฎ ๐—ฒฬ€ ๐˜‚๐—ป๐—ฎ ๐—ฟ๐—ถ๐˜€๐—ผ๐—ฟ๐˜€๐—ฎ, ๐—ป๐—ผ๐—ป ๐˜‚๐—ป๐—ฎ ๐˜‡๐—ฎ๐˜ƒ๐—ผ๐—ฟ๐—ฟ๐—ฎ

๐—จ๐—ป๐—ฎ ๐˜€๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ฒ๐—ป๐˜‡๐—ฎ ๐—ฏ๐—ผ๐—ฐ๐—ฐ๐—ถ๐—ฎ ๐—น๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ๐˜€๐—ฐ๐—ฟ๐—ถ๐—บ๐—ถ๐—ป๐—ฎ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ฟ๐˜€๐—ผ ๐—ถ ๐—ฑ๐—ถ๐—ฝ๐—ฒ๐—ป๐—ฑ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ถ ๐—ฝ๐˜‚๐—ฏ๐—ฏ๐—น๐—ถ๐—ฐ๐—ถ: ๐—น๐—ฎ ๐—ฃ๐—ฎ ๐—ฒฬ€ ๐˜‚๐—ป๐—ฎ ๐—ฟ๐—ถ๐˜€๐—ผ๐—ฟ๐˜€๐—ฎ, ๐—ป๐—ผ๐—ป ๐˜‚๐—ป๐—ฎ ๐˜‡๐—ฎ๐˜ƒ๐—ผ๐—ฟ๐—ฟ๐—ฎ

Fonte: ilfattoquotidiano.it โ€œLa sentenza del Tar degli scorsi giorni elimina una delle discriminazioni esistenti tra dipendenti pubblici e privati.

Lโ€™ISTAT certifica un tasso di inflazione alle stelle
TFS differito: attesa la pronuncia della Corte Costituzionale per il prossimo 9 Maggio
Marco Carlomagno, FLP: โ€œRitardo sulle assunzioni per il PNRR: la carenza di personale รจ oggi di circa il 35%, con punte del 50%โ€

Fonte: ilfattoquotidiano.it

โ€œLa sentenza del Tar degli scorsi giorni elimina una delle discriminazioni esistenti tra dipendenti pubblici e privati. Prima di tale decisione, infatti, secondo il DM Madia-Poletti del 2017, vigevano per il settore pubblico fasce di reperibilitร , in caso di visita fiscale, superiori rispetto a quelle del settore privato. Il decreto prevedeva che nel settore pubblico ci fosse un orario per le visite fiscali dei dipendenti pubblici molto piรน lungo di quello in vigore per i lavoratori del settore privato: 7 ore anzichรฉ 4, e cioรจ dalle 9 alle 13 e poi dalle 15 alle 18, con obbligo di reperibilitร  anche nei giorni non lavorativi e in quelli festivi, mentre nel privato la fasce orarie sono dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. La decisione mette dunque fine a una vera e propria discriminazione, come sottolineato anche dal Tar stesso, che ci mette perรฒ al tempo stesso di fronte ad alcune questioni.

La prima รจ che questa disposizione illegittima e da noi sempre contestata รจ stata emanata nel pieno di una campagna contro i lavoratori pubblici che in parte continua ancora oggi. รˆ il caso, ad esempio, dellโ€™ingiusta trattenuta dellโ€™indennitร  di amministrazione, che costituisce parte integrante dello stipendio, e che ancora oggi viene sottratta dalla retribuzione per tutte le malattie inferiori ai 10 giorni, portando a una decurtazione superiore al 30% della retribuzione. Ma non solo: ad oggi, ad esempio, a differenza del lavoro privato, nel pubblico non opera la detassazione del salario di produttivitร  e sono quasi del tutto assenti politiche di welfare aziendale, in contrasto con le sbandierate esigenze di incentivare la produttivitร  e il benessere organizzativo allโ€™interno dei posti di lavoro.

Ingiustizie, queste, da cui prende il via unโ€™altra considerazione, relativa al fatto che il lavoro pubblico รจ e deve essere considerato una risorsa per il Paese e non una zavorra, e che per questo deve essere valorizzato e non penalizzato con norme medievali che in questi anni sono state utilizzate dalla cattiva politica per giustificare decenni di inerzia, di malagestione e di interessate esternalizzazioni.

Per tali ragioni, chiediamo che il governo e le amministrazioni si uniformino e mettano fine alle discriminazioni subite dai lavoratori pubblici. Se la PA deve diventare attrattiva per i giovani in cerca di lavoro, se il lavoro nella pubblica amministrazione deve essere un โ€œposto figoโ€ piรน che un posto fisso, come ha piรน volte ribadito il ministro Zangrillo, allora serve che il primo a credere nella strategicitร  dei lavoratori pubblici sia proprio il governo, con norme che li incentivino e non li penalizzino.โ€

https://lnkd.in/d2z9kHcp

#flpnewsย #lavoropubblico

Commenti