HomeItalian Enterprises

Leonardo Key innovator nel Progetto SPARTA

La Commissione europea ha riconosciuto Leonardo quale Key innovator per il ruolo svolto all’interno del progetto SPARTA, supportato dal programma Horizon 2020 dell'Unione Europea, con l'obiettivo di sviluppare e attuare azioni collaborative di ricerca e innovazione di alto livello nel campo della sicurezza informatica.

Leonardo Key innovator nel Progetto SPARTA

SPARTA è un progetto finalizzato alla creazione di una rete europea di centri di eccellenza sulla cyber security in grado di collaborare, condividere

Leonardo, MoU con l’Arabia Saudita per opportunità di collaborazione nell’aerospazio e difesa
La necessità della difesa ravvicinata negli odierni teatri operativi
Cos’ è la guerra cibernetica?

SPARTA è un progetto finalizzato alla creazione di una rete europea di centri di eccellenza sulla cyber security in grado di collaborare, condividere e sviluppare soluzioni per prevenire la criminalità informatica e migliorare la sicurezza. Ha, inoltre, l’obiettivo di tracciare la strada per la costruzione di capacità trasformative in ambito nazionale ed europeo tramite la formazione di una rete distribuita in tutto il continente, per lo sviluppo di competenze sulla sicurezza informatica.

Un progetto ambizioso e partecipato, condotto da un consorzio capitanato dal francese Commissariat à l’énergie atomique et aux énergies alternatives (CEA) e costituito da 44 partner tra cui, oltre a Leonardo, altre realtà nazionali quali CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica), CNIT (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni), CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e ISCOM.

All’interno di questo vasto progetto Leonardo ha svolto un ruolo di primo piano nei programmi T-Shark e CAPE.

T- Shark, per la cyber security awareness

Per il programma T-Shark, dedicato alla cyber security awareness, è stato sviluppato il prototipo di una Virtual Control Room che, grazie a un’interfaccia virtuale, permette agli operatori di gestire da remoto la sicurezza informatica di un’infrastruttura critica.

Il prototipo è stato dotato degli strumenti disponibili presso il Centro Operativo di Sicurezza (SOC) di Chieti, come le piattaforme Threat Intelligence System e Decision Support System.

La prima consente una migliore percezione e comprensione dei rischi informatici tramite l’analisi e la correlazione di dati da fonti eterogenee; mentre la seconda permette di valutare gli effetti delle diverse azioni che possono essere intraprese per contrastare le minacce e fornisce agli operatori informazioni facilmente accessibili per assumere le decisioni.

CAPE, per valutare l’aderenza agli standard di certificazione

Per il programma CAPE (Continuous assessment in polymorphous environments), Leonardo ha definito i criteri di cyber security per lo sviluppo di prodotti e sistemi sulla base di standard di certificazione come ad esempio i Protection Profiles.

Il percorso del progetto SPARTA non finisce qui, nuove sfide e nuovi obiettivi sono in corso di definizione: dalla sicurezza autonoma per sistemi autoprotetti al cosiddetto trustworthy software – il software sicuro, affidabile, disponibile e resiliente -, dalla Quantum Information Technology alla 5G Security fino al Next-Generation Computing Architecture.

 

Fonte: Leonardo.it

[themoneytizer id=”106658-3″]

 

Commenti