HomeCommunication & Tecnologies

Cina: una scimmia muove con il pensiero un braccio robotico

Cina: una scimmia muove con il pensiero un braccio robotico

Gli scienziati cinesi dell’Università di Nankai hanno fatto un vero passo avanti nel campo delle neuroscienze. Hanno condotto il primo esperimento al

Lo spazio fa buon sangue
Ganar la vida
Vedere bene? Dipende da com’è fatta una parte del cervello

Gli scienziati cinesi dell’Università di Nankai hanno fatto un vero passo avanti nel campo delle neuroscienze. Hanno condotto il primo esperimento al mondo in cui una scimmia è stata in grado di controllare un braccio robotico utilizzando uno speciale sensore impiantato nel suo cervello.

Il sensore è stato inserito nel cervello della scimmia attraverso un vaso sanguigno senza la necessità di aprire il cranio. Ciò ha reso la procedura meno traumatica e più sicura rispetto ai metodi tradizionali. Il sensore legge i segnali elettrici dalla corteccia motoria della scimmia e li trasmetteva al robot, che eseguiva i movimenti ai comandi dell’animale.

Controllo attivo del braccio meccanico da parte dell’animale attraverso l’interfaccia cervello-computer.

Questo esperimento apre nuove possibilità per il trattamento e la riabilitazione di persone che soffrono di disfunzioni motorie dovute a ictus, sclerosi laterale amiotrofica o altre malattieLa tecnologia dell’interfaccia cervello-macchina può aiutarli a riconnettersi con il mondo esterno e migliorare la loro qualità di vita.

Gli scienziati cinesi intendono continuare la ricerca in questa direzione e avvicinarsi all’uso clinico. Vogliono anche creare un marchio nazionale di alta qualità di attrezzature mediche ad alta tecnologia che competerà con i leader mondiali in questo campo.

In precedenza, la società di Elon Musk Neuralink, che sviluppa anche l’interfaccia cervello-macchina, ha negato le accuse di crudeltà sugli animali nel corso della ricerca. L’azienda ha affermato di seguire tutte le regole e gli standard sul benessere degli animali e che il suo obiettivo è aiutare le persone con disturbi neurologici.

Gli scienziati dell’Università del Texas ad Austin hanno creato un decodificatore linguistico in grado di tradurre i pensieri di una persona in testo utilizzando uno speciale convertitore AI. Il decodificatore è stato in grado di interpretare l’essenza delle storie che le persone stavano guardando o ascoltando, o anche solo immaginando, utilizzando dei modelli cerebrali.

Synchron è stata la prima azienda ad eseguire un impianto cerebrale nel cervello di un paziente statunitense. L’impianto consente al paziente di inviare messaggi ai social network direttamente attraverso un’interfaccia cervello-computer.

Fonte: redhotcyber.com

Commenti