HomeItalian Enterprises

Leonardo, ecco come Cingolani elogia Profumo e Usa

Leonardo, ecco come Cingolani elogia Profumo e Usa

Fonte: Startmag.it Che cosa ha detto Roberto Cingolani nella sua prima uscita pubblica da amministratore delegato di Leonardo Forze armate, intellig

Decreto prezzi lavori edilizi: nuovi massimali di spesa
Draghi e Cingolani rilanciano le trivelle in Adriatico contro il clima”
Vertice a Palazzo Chigi sul caro bollette. Cingolani: al lavoro per un taglio per il prossimo trimestre

Fonte: Startmag.it

Che cosa ha detto Roberto Cingolani nella sua prima uscita pubblica da amministratore delegato di Leonardo

Forze armate, intelligenza artificiale e sviluppo tecnologico nel presente di Leonardo secondo il neo ad Cingolani.

L’inaugurazione del nuovo campus dell’International Flight Training School (IFts) con base a Decimomannu, in Sardegna è stata l’occasione per il primo discorso ufficiale per il neo ad di Leonardo Roberto Cingolani-

Inaugurato ufficialmente nella base aerea di Decimomannu (Cagliari), l’International Flight Training School, una scuola di Top gun nella quale si addestreranno i piloti di caccia provenienti a tutto il mondo. L’Ifts, è inizialmente operativa presso la base dell’Am di Galatina (Lecce), ma a partire dall’anno scorso progressivamente dislocata presso la base di Decimomannu (Cagliari).

“Sono cinque anni di lavoro, partiti dalla collaborazione tra Aeronautica e Leonardo, i cui numeri sono impressionanti”, ha ricordato Cingolani. Il neo ad ha ringraziato il suo predecessore, Alessandro Profumo, “per averci lasciato in compagnia con grandi numeri e ci consente di guardare al futuro con ambizione”. In qualità di nuovo capo azienda, “sono chiamato a fare qualche passo avanti verso il futuro, verso la sicurezza energetica e delle infrastrutture”.

L’IFTS COME POLO INTERNAZIONALE SECONDO IL NEO AD DI LEONARDO, ROBERTO CINGOLANI

L’Ifts è “un’eccellenza tutta italiana nata dalla collaborazione tra l’Aeronautica militare, Leonardo e la Regione Sardegna, dove i futuri piloti di aerei caccia militari di tutto il mondo possono formarsi” ha spiegato Roberto Cingolani, ex ministro della Transizione ecologica e da pochissimo ceo di Leonardo, di fronte ai vertici delle Forza armate di Qatar, Giappone, Germania, Singapore, Austria, Canada e Arabia Saudita che hanno già aderito al progetto. Ora le tecnologie digitali si sono sviluppate: grazie alle nuove potenze di calcolo gli algoritmi ora si può simulare tutto evitando rischi fisici, impatto ambientale e grandi spese.

Il nuovo campus dell’International Flight Training School (Ifts) presso l’aeroporto militare di Decimomannu, in Sardegna, ha tutte le carte in regola per diventare un “polo internazionale” per l’addestramento dei piloti. È quanto ha sostenuto il neo ad di Leonardo, Roberto Cingolani, “Questo polo già adesso è stato dell’arte a livello internazionale per il training di piloti e per (la presenza di) macchine molto sofisticate e avanzate, come il 346 che è costruito da Leonardo. Già questo di per sé non ha pari, né in Europa né fuori. C’è tutto l’impegno delle Forze armate e dell’Aeronautica per far sì che questo diventi un polo internazionale.”, ha sottolineato il ceo di Leonardo.

“Leonardo è un’azienda multinazionale che si occupa di aerospazio e difesa. Ovviamente per noi le Forze armate italiane sono un punto di riferimento importante, così come quelle internazionali, visto che noi abbiamo oltre l’80% della produzione venduta all’estero”, ha aggiunto Cingolani.

VELOCISSIMI NEGLI SVILUPPI TECNOLOGICI

Leonardo sta portando avanti “sviluppi tecnologici enormi” e sta andando “velocissimo” sulla digitalizzazione e l’intelligenza artificiale (Ai).

“Gli sviluppi di natura tecnologica, quindi nuove piattaforme, nuovi simulatori, la creazione di gruppi di piloti internazionali che utilizzano la stessa base di training, credo siano molto importanti per la sicurezza di un continente”, ha detto Cingolani. “Gli sviluppi tecnologici sono enormi. Con la digitalizzazione andiamo velocissimi, sull’Ai andiamo velocissimi. I colleghi di Cae (Canadian Aviation Elecronics, ndr) stanno facendo simulatori molto avanzati. Ci vedremo a breve perché secondo noi, dalle discussioni di oggi, ci sono dei punti che potremmo condividere per fare macchine più avanzate, visto che la partnership funziona bene”, ha aggiunto Cingolani.

AI GIÀ PRESENTE NELL’INDUSTRIA DELLA DIFESA

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale nell’industria della difesa è già una realtà, ha spiegato Cingolani parlando ai giornalisti a margine della presentazione del nuovo campus dell’International Flight Training School (Ifts) presso l’aeroporto militare di Decimomannu, ripreso da Agenzia Nova.

“Avete visto applicazioni dell’intelligenza artificiale, asset di dati ordinati in maniera molto precisa che sono acquisiti dall’esperienza reale, cioè i dati che prendiamo dagli aerei che volano, dai piloti eccetera, rappresentati con avatar digitali delle macchine che, messi poi insieme, rappresentano in maniera realistica scenari estremamente complessi”, ha detto Cingolani ai giornalisti. “È già tutto artificial intelligence, sono già tutti algoritmi”, ha aggiunto il successore di Profumo.

FONDAMENTALE IL RAPPORTO CON GLI USA PER LEONARDO

Dopodiché, il nuovo numero uno di Leonardo ha ricordato come le relazioni con gli Stati Uniti nell’Alleanza atlantica siano fondamentali. “Il rapporto con gli Stati Uniti nell’Alleanza atlantica è fondamentale e su cui non c’è alcuna discussione. Sulle questioni di training e di tecnologie da condividere o da sviluppare, questo si vedrà di volta in volta”, ha sostenuto il numero uno dell’azienda multinazionale di aerospazio e difesa.

L’IMPORTANZA DELLE TECNOLOGIE DIGITALI DALLA GUERRA IN UCRAINA

Infine, le recenti esperienze della guerra in Ucraina hanno mostrato “l’importanza delle tecnologie digitali” secondo Cingolani.

Rispondendo a una domanda sulla sicurezza nazionale come convergenza tra capacità di calcolo, sicurezza cibernetica e non solo, il neo ad di Leonardo ha spiegato che “È un concetto abbastanza ampio su cui i Paesi avanzati stanno riflettendo. È chiaro che la difesa è sicuramente la parte fondamentale a cui tutti siamo abituati. Però abbiamo visto anche dalle recenti esperienze della guerra in Ucraina l’importanza delle tecnologie digitali. Guardate anche all’esistenza di una rete satellitare che dà in tempo reale delle informazioni che poi sono utilizzate anche per la previsione della difesa”, ha concluso Cingolani.

Commenti