HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Serra solare per coltivare in modo autosufficiente. Il progetto innovativo del momento

Uno dei metodi più innovativi per coltivare è la serra solare. Un nuovo progetto ci spiega perchè dobbiamo utilizzarlo tutti.

Serra solare per coltivare in modo autosufficiente. Il progetto innovativo del momento

Emergenza amianto, anche se non se ne parla più
Onu, accordo storico per fermare l’inquinamento da plastica
Le criptovalute valgono la candela energetica?

In tempi crisi climatiche, guerre e pandemie globali, siamo ormai abituati alla parola “crisi”. Eventi del genere infatti preparano bene all’ipotesi di crisi gravi come ad esempio una crisi energetica o quella alimentare.

Per far fronte a emergenze di questo genere un gruppo di studenti spagnoli dell’IAAC ha ideato una soluzione superlativa, che potrebbe dare una mano significativa in circostanze simili.

Questi studenti hanno infatti realizzato una serra solare, una struttura architettonica altamente sostenibile che permetterebbe di coltivare in maniera rapida le coltivazioni al suo interno.

L’idea alla base di questo progetto sarebbe quindi la ricerca di alcune soluzioni di adattamento, in caso di grandi emergenze a cui far fronte, come crisi alimentari ed energetiche.

Si tratta di un progetto estremamente sostenibile, dato che i materiali per la realizzazione della serra solare sarebbero reperiti dall’ambiente circostante, evitando così di saltare la fase di produzione del legno.

Così come l’acqua e il substrato necessari per la serra solare. Vediamo allora i dettagli del progetto dell’università spagnola.

L’innovativo progetto dal nome “Solar Greenhouse” è stato ideato da una squadra dell’Istituto per l’Architettura Avanzata della Catalogna.

La realizzazione del progetto ha come scenario il Parco Naturale di Collserola, dove è stato allestito un modulo di coltivazione di serra solare.

Questo modulo non è altro che una struttura architettonica realizzata in legno e dotata di diversi pannelli fotovoltaici.

In tal modo, anche in grandi crisi energetiche si avrebbe l’energia minima indispensabile per la coltivazione, una soluzione quindi perfetta anche in situazioni di crisi alimentare.

La struttura è formata da 2 piani. Al piano terra ci si occupa della germinazione delle piante, mentre al piano superiore avviene la vera e propria coltivazione di quest’ultime.

Proprio come le normali serre, anche all’interno del modulo ci sono delle fonti di luce artificiale che permettono una crescita rapida delle coltivazioni.

Fonte: Orizzonte Energia

Commenti