HomePortualità e Marittimo

Europa, Cina e Stati Uniti potrebbero decarbonizzare l’84% delle immissioni globali del trasporto marittimo

Europa, Cina e Stati Uniti potrebbero decarbonizzare l’84% delle immissioni globali del trasporto marittimo

Afghanistan: “Il destino dei Talebani dipenderà dal terrorismo”
Chip: l’ Europa vuole smarcarsi dall’ Asia con un piano da oltre 40 miliardi
Kaohsiung: Fire at Taiwan tower block kills at least 46

L’84% del traffico marittimo passa attraverso Europa, Cina e Stati Uniti, secondo un nuovo studio Transport & Environment (T&E). Se queste economie dovessero regolare le navi che fanno scalo nei loro porti, potrebbero decarbonizzare la parte del leone del settore e così facendo bypassare l'”inefficace” Organizzazione marittima internazionale (IMO), afferma T&E.

Jacob Armstrong, responsabile delle spedizioni sostenibili di T&E, ha dichiarato: “Gli sforzi per decarbonizzare il trasporto marittimo presso l’IMO sono stati finora miserabili. La necessità di un consenso a livello globale non ci ha portato da nessuna parte. Ma c’è un modo molto più semplice per farlo. Con la stragrande maggioranza delle navi che attraversano l’Europa, la Cina e gli Stati Uniti, queste economie leader possono regolare unilateralmente le emissioni senza fare affidamento sull’inefficace IMO”.

Mentre Cina, Europa e Stati Uniti rappresentano solo il 40% delle emissioni del trasporto marittimo, la stragrande maggioranza delle navi fa scalo in uno dei loro porti. T&E invita le tre economie a concordare misure per ridurre le loro emissioni marittime, compresi i mercati del carbonio, le tasse sull’inquinamento, gli obiettivi di efficienza energetica e gli standard di carburante a emissioni zero per creare un regime normativo globale de facto.
Fonte: Federazione europea per i trasporti e l’ambiente

Commenti