HomeMercati internazionali

Petrolio: le 10 mosse per ridurre la domanda di greggio

Petrolio: le 10 mosse per ridurre la domanda di greggio

Riaprono le miniere del Nord Italia? Dalle Alpi zinco, argento e cobalto
Bper banca Assieme alla Croce Rossa Italiana a supporto dell’Emergenza Ucraina.
Africa: in mezzo allo scontro di potenze

I futures sul petrolio sono tornati a salire sopra i 108 e 111 dollari al barile.

L’ aumento è dovuto alla mancanza di trattative tra Mosca e Kiev per cessare il fuoco. Secondo l’ Agenzia Internazionale dell’ Energia la domanda di petrolio e prodotti raffinati da parte della Russia potrebbe scendere di tre milioni di barili al giorno nel mese di aprile.

Secondo il comunicato dell’ EIA, in media la spesa mensile per i prodotto petroliferi, trasporti e riscaldamenti è aumentata in media di 40 dollari per famiglia nel biennio 2022.

Dall’ inizio della guerra in Ucraina il prezzo del greggio risulta essere oscillante, arrivando a raggiungere i 140 dollari al barile, si tratta di un record storico che è stato toccato solo nel 2008.

L’Agenzia per l’energia ha presentato un piano di 10 misure di emergenza per tagliare la spesa del greggio di 2,7 milioni di barili al giorno in 4 mesi.

Ecco i dieci punti:

  • abbassare di 10km/h la velocità in autostrada
  • incentivare l’ utilizzo di mezzi di trasporto pubblici
  • istituire le domeniche ecologiche in città
  • promuovere dove possibile, il telelavoro e smart working
  • sfruttare la mobilità urbana targhe alterne
  • promuovere il car sharing
  • prendere l’ abitudine di riempire al massimo i mezzi di trasporto
  • passare ai trasporti elettrici
  • evitare spostamenti inutili
  • prendere treni veloci ad alta velocità al posto degli aerei

Alcuni Paesi hanno già adottato una propria soluzione, ricorrendo all’ uso del carbone, nonostante il fatto che sia il combustile fossile più inquinante.

Fonte: Nuovo giornale Nazionale.it

Commenti