HomeItalian Enterprises

Leonardo: partner strategico di programma Gcap, per Equita “effetti diluiti nel tempo”

Per questo progetto con Regno Unito e Giappone l’Italia ha destinato 3,8 miliardi fino al 2035

Leonardo: partner strategico di programma Gcap, per Equita “effetti diluiti nel tempo”

The development of warfare cyberspace in the United States of America
Agenzia Cyber e Bankitalia: la collaborazione per difendere il paese
La digital vision dell’ industria della difesa

Azioni Leonardo in cauto rialzo dopo l’annuncio del programma Gcap – Global Combat Air Programme di cui l’ex Finmeccanica è partner strategico.

Il programma annunciato stamattina dai governi di Italia, Regno Unito e Giappone prevede la realizzazione di un sistema di sistemi di nuova generazione per operazioni multi-dominio, che sarà operativo dal 2035.

In una nota Leonardo spiega che il Gcap coinvolgerà tutta la filiera italiana a partire dalle Università e dai centri di ricerca fino alle Pmi e le industrie leader nazionali coinvolte. In particolare, Italia, Uk e Giappone – attraverso le rispettive industrie nazionali, Leonardo, Bae Systems e Mitsubishi Heavy Industries -, collaboreranno allo sviluppo delle tecnologie per la piattaforma aerea di sesta generazione, in ottica sistema di sistemi. La compagine italiana oltre a Leonardo – presente nel programma già dal 2018 con Leonardo UK – vedrà coinvolti Avio Aero, Elettronica e Mbda Italia.

Per questo progetto, annotano gli analisti di Equita, l’Italia ha destinato 3,8 miliardi fino al 2035, e i suoi effetti “sono comunque diluiti nel tempo”.

Il progetto, aggiunge il broker, è finalizzato alla realizzazione della sesta generazione di aerei da combattimento: il supercaccia invisibile Tempest (con o senza pilota e armi all’avanguardia), il cui progetto anglo-italiano sifonderà con quello nipponico dell’F-X stealth. Confermata la raccomandazione buy.

Stesso giudizio da Intesa Sanpaolo, che confermano anche il prezzo obiettivo di 12,7 euro, parlando di notizia positiva in quanto pone le basi per un rafforzamento del programma Tempest rispetto a quello alternativo sviluppato da Francia, Germania e Spagna.

Da parte sua Banca Akros afferma che la notizia è “prevista” e “positiva”.

Fonte: Finanzareport.it

Commenti