HomeInternational Start Up

Banche: quali sono le più solide in Italia e in Europa?

Banche: quali sono le più solide in Italia e in Europa?

A cura di Monica Origgi Come, ogni anno la Banca Centrale Europea ha stilato la classifica del 2023 degli istituti bancari più solidi all' interno

Bce. La crescita si rafforza ma restano necessari stimoli
La Via. Entro fine anno modifica dei requisiti dei banchieri
Bce. Pubblicato l’addendum: 2-7 anni per rientro dei Npl

A cura di Monica Origgi

Come, ogni anno la Banca Centrale Europea ha stilato la classifica del 2023 degli istituti bancari più solidi all’ interno dell’ eurozona. Nel corso dell’ anno appena passato gli istituiti bancari si sono riconosciuti per la loro forte solidità, non da meno quelli italiani che risultano essere, ben posizionati in graduatoria. 

Tra fine giugno del 2022 e lo stesso mese del 2023 l’ indice di solidità patrimoniale Cet1, è aumentato dal 15 al 15,7% per le banche controllate direttamente da Francoforte.

Al primo posto sia in Italia, che in Europa si conferma Credem con P2r ( si intende, requisito patrimoniale per singola banca) dell’ 1%. Al secondo posto la francese SFIL S.A. con un P2r all’ 1 %, mentre al terzo posto la spagnola Kutxabank S.A., con un P2r all’ 1,2%. Per quanto riguarda l’ Italia al secondo posto troviamo Banca Mediolanum (mentre, in Europa è al quinto posto) con un P2r all’ 1,5% , mentre al terzo posto figura Intesa Sanpaolo con un P2r pari all’ 1,5%, mentre in Europa si posiziona all’ ottavo posto.

Il valore P2r, indica il valore sottostimato che una banca deve affrontare e mantenere per sconfiggere i rischi sottovalutati o non compresi nell’ ambito del primo pilastro, che è il requisito minimo fondamentale. Avere un P2r basso significa, che la banca necessita di mantenere il capitale supplementare inferiore per poter fronteggiare eventuali rischi. 

Perciò possiamo considerarla, maggiormente sicura.

Commenti