HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Intervista al Prof. Giancarlo Elia Valori Giugno 2024

Intervista al Prof. Giancarlo Elia Valori    Giugno 2024

1. What do you think is “green overcapacity”? Does China have “overcapacity” in the green industry? 1. Cosa pensa della “green overcapacity”? La Cina

Il nuovo corso della globalizzazione teorizzata dal Presidente Xi Jinping dal vertice di Paesi BRICS di Johannesburg.
Scenari geopolitici globali Fra nuovo ordine del pianeta e intelligenza artificiale
Dare un forte impulso allo sviluppo di alta qualità della Cina (due sessioni·Capire la Cina)

1. What do you think is “green overcapacity”? Does China have “overcapacity” in the green industry?

1. Cosa pensa della “green overcapacity”? La Cina ha “overcapacity” nella industria rinnovabile?

Recentemente, alcuni in Europa e negli Stati Uniti ritengono che la nuova industria energetica cinese abbia una “eccesso di capacità”, e su questa base anche la Commissione Europea ha avviato un’indagine compensativa sui veicoli elettrici cinesi. In realtà, questa è solo una scusa per l’Europa e gli Stati Uniti per attuare misure protezionistiche commerciali. Questo argomento è insostenibile sia da una prospettiva realistica che futura.

In primo luogo, il cosiddetto “eccesso di capacità” è un concetto relativo. L’eventuale presenza di un eccesso di capacità produttiva non può dipendere solo dalla capacità di produzione e dall’offerta, ma, soprattutto, da quanta domanda esiste. Se crediamo che un Paese dovrebbe produrre solo prodotti che soddisfano i propri bisogni e utilizzare indicatori come la produzione di terzi sul mercato internazionale o il volume delle sue esportazioni per giudicare se ha un “eccesso di capacità”, ciò va contro i principi di base del commercio internazionale e non è in linea con il consenso generale della società odierna.

In secondo luogo, giudicare la “sovracapacità” dipende dall’utilizzo della capacità di un settore e dall’eventuale presenza di una grande quantità di capacità produttiva inattiva. La nuova industria energetica cinese è in una fase di rapida crescita, la domanda di capacità produttiva continua ad essere forte e non esiste alcun problema di sovracapacità. La nuova produzione legata all’energia viene assorbita principalmente a livello nazionale e non esiste una capacità di esportazione esterna su larga scala. Ad esempio, nel 2023, la produzione e le vendite di nuovi veicoli energetici in Cina saranno rispettivamente di 9,587 milioni e 9,495 milioni, raggiungendo sostanzialmente un equilibrio tra produzione e vendite, di cui le vendite nazionali rappresentano l’87,3% e le esportazioni estere rappresentano solo il 12,7%.

Al momento, il livello di intelligenza dei nuovi veicoli energetici cinesi continua a migliorare e i loro vantaggi in termini di innovazione diventano più evidenti e vengono spesso rilasciati prodotti di grande successo che integrano varie tecnologie avanzate, il che ha suscitato un forte interesse nelle industrie europee e globali, e sempre più i clienti stanno offrendo commenti positivi.

In terzo luogo, accusare la nuova industria energetica cinese di “eccesso di capacità” non solo è sbagliato, ma anche ingiusto. La competitività della nuova industria energetica cinese non è il risultato dei sussidi, ma dei risultati gradualmente accumulati nella competizione di mercato a lungo termine da parte delle imprese che fanno affidamento sulla propria innovazione tecnologica e sul duro lavoro. I nuovi veicoli energetici cinesi offrono ai consumatori europei e globali scelte di consumo diversificate, basandosi su un’eccellente qualità e reputazione dei clienti, piuttosto che sulle cosiddette vendite a basso prezzo. Il prezzo dei veicoli cinesi a nuova energia nel mercato europeo non solo è molto più alto del prezzo interno in Cina, ma è anche paragonabile a quello di altri marchi di veicoli a nuova energia nello stesso mercato europeo.

L’esperto Peter Fischer, direttore del dipartimento di economia della «Neue Zürcher Zeitung», ritiene che i dati esistenti non dimostrino un’invasione dei prodotti cinesi sul mercato europeo e che il timore della cosiddetta minaccia cinese e l’adozione di misure protezionistiche basate su di essa siano “probabilmente fuorvianti”. Se le auto elettriche cinesi che fanno affidamento sull’innovazione costringono i produttori europei a continuare ad aggiornarsi, i consumatori dovrebbero essere contenti. La misura migliore che i Paesi occidentali possono adottare è affrontare la concorrenza a testa alta.

2. What do you think are the US intentions of hyping up the so-called “China’s green overcapacity”? Why are the US and EU so anxious about the development of China’s green industry?

2. Quali sono, a Tuo avviso, le intenzioni degli Stati Uniti di enfatizzare la cosiddetta “China’s green overcapacity”? Perché gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono così preoccupati per lo sviluppo dell’industria rinnovabile cinese?

Negli ultimi anni la Cina ha compiuto un forte sforzo per rendere più ecologica la Belt and Road e gli altri suoi impegni economici internazionali. In effetti per rimodellare il sistema energetico mondiale dobbiamo aumentare gli investimenti e accogliere il sostegno di governi tra cui RP della Cina, Stati Uniti d’America e Paesi europei, invece di provocare una guerra commerciale distruttiva. Se i prodotti vengono fabbricati nella scala necessaria per prevenire il riscaldamento globale, non si tratta di un eccesso verde, ma del livello base di capacità di cui il mondo ha bisogno.

Inoltre di fronte alla crescente competitività della RP della Cina, da un lato le economie occidentali stanno diventando sempre meno fiduciose e vogliono utilizzare misure protezionistiche per affrontarla; dall’altro temono la cosiddetta concorrenza cinese, ma credo che questa reazione sia in realtà molto miope.

Recentemente, anche alcuni osservatori perspicaci occidentali si sono espressi contro la cosiddetta argomentazione della “sovracapacità della Cina”. David Ficklin, editorialista di Bloomberg su clima ed energia, ha affermato: «Se un Paese può fornirti beni a buon mercato, dovresti comprarli e poi rivenderli. Questa è l’economia standard. In Cina, non vi è alcuna prova di dipendenza dai sussidi e quello che vedete è un settore molto grande e competitivo».

La nuova energia è il futuro comune dell’umanità. Attualmente la capacità produttiva globale nel nuovo settore energetico è lungi dall’essere sufficiente e deve ancora essere notevolmente migliorata. Non vi è alcun “surplus”. Molte organizzazioni internazionali, come la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo e l’Agenzia internazionale per l’energia, hanno pubblicato rapporti in cui ritengono che, per raggiungere l’obiettivo globale della neutralità carbonica, gli investimenti globali in nuove energie debbano essere ulteriormente accelerati. Che si tratti della risposta globale al cambiamento climatico o della trasformazione verde dell’UE, sono necessari una maggiore capacità di produzione di energia e nuovi prodotti energetici di alta qualità. La RP della Cina è disposta a collaborare con tutte le parti per incontrarsi a metà strada, aderire ai principi fondamentali dell’economia di mercato, continuare a promuovere nuove tecnologie energetiche e innovazioni di prodotto, promuovere una sana concorrenza nelle industrie internazionali attraverso una concorrenza leale, migliorare la produttività globale e l’efficienza economica attraverso una cooperazione aperta e mantenere attivamente la stabilità delle catene industriali e di approvvigionamento globali e fornire maggiori contributi per affrontare il cambiamento climatico e promuovere lo sviluppo verde.

3. It’s reported that the Biden administration could raise tariffs on electric vehicles from China to 100 percent. If the US government keeps excluding cost-effective Chinese clean products and maintains economic protectionism, what impact will this have?

3. Si sostiene che l’amministrazione Biden potrebbe aumentare al 100% le tariffe sui veicoli elettrici provenienti dalla Cina. La decisione del governo statunitense di continuare ad escludere i prodotti cinesi da energia rinnovabile a basso costo e a mantenere il protezionismo economico, che impatto avrà?

Gli Stati Uniti d’America stanno essenzialmente proteggendo la propria capacità in eccesso di fascia bassa. Un’economia di mercato è un’economia aperta e competitiva, ed è anche un’economia in cui le imprese prendono decisioni indipendenti. Da un lato, quando le aziende vedono le prospettive di mercato, espanderanno gli investimenti e aumenteranno la capacità produttiva per perseguire profitti e occupare una situazione competitiva favorevole. D’altro canto, un certo grado di sovracapacità può rendere il mercato più competitivo e promuovere la sopravvivenza del più adatto e l’ammodernamento industriale. Da una prospettiva globale, il commercio e gli investimenti internazionali liberi e aperti contribuiscono a migliorare la competitività industriale di vari Paesi.

A partire dalla rivoluzione industriale, l’emergere di nuovi prodotti e la crescita di nuove industrie hanno avuto questo andamento. Usare l’eccesso di capacità come scusa per proteggere eccessivamente il mercato spesso protegge le industrie e le imprese con tecnologia di produzione arretrata e mancanza di competitività. Il risultato è un ampio eccesso di capacità produttiva di fascia bassa, che rende difficile ottenere aggiornamenti di prodotto e miglioramenti industriali.

La storia ha ripetutamente dimostrato che il “focolaio” del protezionismo non può coltivare industrie e imprese veramente competitive. Recentemente la stampa d’Oltreatlantico ha sottolineato che gli Stati Uniti d’America hanno adottato misure protezionistiche contro l’industria siderurgica nazionale, ma ciò non è riuscito a prevenire la perdita di posti di lavoro, il calo della competitività e della quota di mercato. Se gli Stati Uniti d’America applicassero politiche protezionistiche alla nuova energia e ad altre industrie, non solo indebolirebbero la loro capacità di affrontare il cambiamento climatico, ma ostacolerebbero anche seriamente lo sviluppo dei veicoli elettrici, dell’energia e di altre industrie.

Il protezionismo oggettivamente aggrava la sovraccapacità globale e comporta enormi perdite di costi. Esso danneggia il benessere di tutta l’umanità, compreso lo Stato che lo attua. Il libero scambio basato sulla divisione specializzata del lavoro può sfruttare appieno i vantaggi comparativi di ciascun Paese e massimizzare il benessere di tutte le parti commerciali, ad esempio aumentando i tipi di merci, abbassando i prezzi delle materie prime, aumentando l’occupazione e il reddito e migliorando la capacità di consumo. Il protezionismo, d’altro canto, è completamente controproducente e spesso porta a conseguenze tra cui un’elevata inflazione, un aumento della produzione e dei costi della vita, perdite di efficienza produttiva e di benessere dei consumatori, e quelli che ne soffrono di più sono spesso i consumatori del Paese che lo applica. Una ricerca della Federal Reserve Bank di New York ha rilevato che la guerra commerciale con la RP della Cina ha portato la famiglia statunitense media a spendere ulteriori 831 dollari all’anno. Il rapporto del Cato Institute mostra anche che la rottura dei legami commerciali avrà un impatto più negativo sui consumatori meno abbienti nei Paesi a basso reddito e nei Paesi sviluppati. Attualmente, i tre nuovi prodotti cinesi rappresentati da veicoli a nuova energia, batterie al litio e prodotti fotovoltaici sono molto favoriti nel mercato globale. L’escalation del protezionismo impedirà alla gente di ottenere nuovi prodotti energetici cinesi a basso costo, ossia un impatto negativo sui consumatori che si tradurrebbe in un “disastro protezionistico”.

4. The US passed the Inflation Reduction Act which provides nearly $370 billion to promote clean sectors. Other Western countries are also scaling up green subsidies. How do you view the hypocrisy in criticizing China for subsidizing electric vehicles while they are doing the same?

4. Gli Stati Uniti hanno approvato l’Inflation Reduction Act, che prevede quasi 370 miliardi di dollari per promuovere il settore delle rinnovabili. Anche altri Paesi occidentali stanno aumentando i sussidi ecologici. Come giudica l’ipocrisia di criticare la Cina per le sovvenzioni ai veicoli elettrici mentre loro fanno lo stesso?

Il mondo sta attualmente attraversando una transizione energetica e la RP della Cina è diventata il principale produttore mondiale di veicoli elettrici. Ciò è di grande importanza per l’attuazione dell’Accordo di Parigi, per rallentare il cambiamento climatico e ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Gli Stati Uniti d’America sono insoddisfatti di questo non perché la RP della Cina abbia fatto qualcosa di sbagliato, ma perché è difficile per i monopoli statunitensi competere con le aziende cinesi in questo senso. Il volume delle vendite di veicoli elettrici cinesi negli Stati Uniti d’America si è molto ridotto, quindi l’aumento delle tariffe da parte dell’amministrazione Biden (sulla Cina) è interamente dovuto alle esigenze della campagna elettorale.

Gli Stati Uniti d’America vogliono mettere da parte la RP della Cina e sperano che le industrie e i capitali ritornino a Washington. Pertanto, questa mossa è una dichiarazione alle aree indebitate e ai suoi alleati. Persegue la “correttezza politica”, quindi impone tariffe aggiuntive. Ora, per il bene della campagna presidenziale, del ritorno di capitali, dell’industria e delle opportunità di lavoro, l’amministrazione Biden continua a costruire il “mito americano” e invita costantemente gli alleati e il mondo a contestare l’operato della RP della Cina.

L’aumento delle tariffe sui veicoli elettrici cinesi è una manifestazione emblematica. Gli Stati Uniti d’America definiscono la competitività determinata dai vantaggi e a tutto tondo della RP della Cina, una “minaccia sistemica” e continuano a contro raccontarla. Questo comportamento riflette anche l’approccio americano, secondo cui «puoi fare quello che dico, ma non puoi fare quello che faccio». Gli Stati Uniti d’America stanno cercando di indebolire lo sviluppo industriale della RP della Cina attraverso questo approccio, ma penso che nel lungo periodo non funzionerà. La RP della Cina continuerà ad esportare veicoli elettrici e pannelli solari verso altri Paesi, in particolare quelli del “Sud del mondo”. La RP della Cina aiuterà questi Paesi a ridurre le emissioni di carbonio, ad affrontare meglio i cambiamenti climatici e a ridurre la loro dipendenza dalle importazioni di petrolio e gas naturale. Tale comportamento dimostra l’ipocrisia del governo statunitense. Critica le politiche industriali e i sussidi della RP della Cina mentre fa esattamente la stessa cosa.

5. Do you or your family or friends use Chinese EVs or other renewable energy products? How do you feel about Chinese EVs?

5. Tu o la tua famiglia o i tuoi amici utilizzate i veicoli elettrici cinesi o altri prodotti da energia rinnovabile? Cosa ne pensate dei veicoli elettrici cinesi?

Sì, li utilizziamo, e sono di eccellente qualità.

6. In the face of China’s new energy development, what attitude should the US and EU have? Can they achieve a win-win result? In which aspects can they cooperate?

6. Di fronte al nuovo sviluppo energetico della Cina, quale atteggiamento dovrebbero avere gli Stati Uniti e l’Unione europea? Possono raggiungere un risultato vantaggioso per tutti? In quali aspetti possono collaborare?

Il 17 febbraio scorso il think tank cinese Center for China and Globalization ha organizzato l’evento “China, Europe, and the United States: Climate Cooperation in an Era of Great Power Politics”, quale appuntamento collaterale ufficiale nell’ambito della LX Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera.

L’incontro si è concentrato sul cambiamento climatico nell’èra della cooperazione delle grandi potenze geopolitiche. Consulenti politici ed esperti sul campo provenienti da Paesi come RP della Cina, Europa e Stati Uniti d’America sono stati invitati a esaminare le dinamiche delle relazioni bilaterali e trilaterali tra Pechino, Bruxelles e Washington attraverso le prospettive della diplomazia climatica e questioni geopolitiche più ampie, e per esplorare i ruoli di RP della Cina, Unione Europea e Stati Uniti d’America, quale triumvirato sul clima che sta lavorando con i Paesi del sud del mondo per favorire la cooperazione globale.

È stato davvero importante e fondamentale partecipare alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco: essa è una pietra miliare sul cammino della reciproca comprensione. Penso che la Conferenza di Monaco sia probabilmente la più importante in tema, e la sua portata è gradualmente cresciuta nel corso degli anni. La sicurezza oggi si estende oltre la difesa e comprende il clima, l’intelligenza artificiale, il cyberspazio e molti altri ambiti. Pur se il clima sia la minaccia più comune per l’umanità, e si spera che trascenda le differenze geopolitiche e tutte le diversità su cui è urgente lavorare insieme. Per fare ciò, RP della Cina, Stati Uniti d’America ed Unione Europea – in quanto le tre maggiori economie e responsabili di oltre il 40% delle emissioni globali – devono unirsi a tal proposito. Per cui, il Center for China and Globalization e la Conferenza sulla sicurezza di Monaco è un passo fondamentale per un risultato vantaggioso per tutti. Si inizia con incontri fra persone e studiosi competenti, un cammino comune necessario per superare i contrasti e convincere i vertici statali a percorrere la via della collaborazione e non dello scontro.

Giancarlo Elia Valori

Commenti