HomeBanche per L'impresa

Intesa Sanpaolo: “Nessuno escluso”, l’ impegno contro disuguaglianze e povertà

Intesa Sanpaolo: “Nessuno escluso”, l’ impegno contro disuguaglianze e povertà

Fonte: group.intesanpaolo.com Con l’iniziativa “Nessuno escluso. Crescere insieme in un Paese più equo” Intesa Sanpaolo affronta e approfondisc

Intesa Sanpaolo: parte la quarta Elite Lounge 2023, il programma di accelerazione per le Pmi italiane
Intesa Sanpaolo: in ambito Esg punta a una posizione di leader mondiale in 2022 e 2025
Per Intesa Sanpaolo utile di 7,3 mld

Fonte: group.intesanpaolo.com

Con l’iniziativa “Nessuno escluso. Crescere insieme in un Paese più equo” Intesa Sanpaolo affronta e approfondisce il tema delle disuguaglianze, in relazione al proprio programma di contrasto alle povertà che è il più grande realizzato da un soggetto privato in Italia. 

Intesa Sanpaolo, con l’occasione, ha annunciato che destinerà €1,5 miliardi a iniziative e progetti finalizzati alla riduzione delle disuguaglianze entro il 2027 per contribuire al bene della collettività, considerando gli importi destinati alle iniziative e quelli relativi ai costi delle strutture a supporto delle iniziative stesse.

Inoltre, Intesa Sanpaolo si dota di una nuova unità organizzativa dedicata, “Intesa Sanpaolo per il Sociale”, con sede a Brescia e con funzioni di indirizzo e di governo delle attività sociali svolte dal Gruppo.

Per questi motivi oggi Intesa Sanpaolo è considerata la principale istituzione privata che in Italia si occupa di contrasto alle disuguaglianze e di intervento sul sociale.

Carlo Messina, CEO Intesa Sanpaolo

“Mi congratulo per l’iniziativa “Nessuno escluso. Crescere insieme in un Paese più equo”, nella quale proporrete esempi concreti di come una banca può lavorare per l’inclusione. Auspico che le vostre discussioni contribuiscano concretamente a disegnare un modello di sviluppo in grado di generare soluzioni nuove, più inclusive e sostenibili a sostegno dell’economia reale, aiutando gli individui e le comunità a realizzare le loro aspirazioni più profonde e il bene comune universale”.

 

Commenti