HomeInternational Banking News

La Grande Muraglia Cinese nascondeva qualcosa: la scoperta

Un team di ricercatori ha analizzato nel dettaglio alcune foto ad altissima risoluzione della Grande Muraglia Cinese, e quello che ha scoperto è incredibile.

La Grande Muraglia Cinese nascondeva qualcosa: la scoperta

Sviluppo e declino della globalizzazione
EL RETO
È possibile coniugare crescita economica e tutela dell’ambiente?

Oltre ad essere una delle più spettacolari opere dell’ingegneria umana, la Grande Muraglia Cinese è continua fonte di sorprese: solo di recente, infatti, alcuni ricercatori hanno scoperto l’esistenza di oltre 130 porte nascoste in punti strategici, ben mimetizzate con l’ambiente circostante. Si tratta di un ritrovamento incredibile, che ci racconta qualcosa in più sulle abilità militari delle antiche dinastie che abitarono l’attuale Cina.

Scoperte oltre 100 porte nascoste lungo la Grande Muraglia Cinese

La Grande Muraglia Cinese rappresenta uno dei principali capolavori dell’uomo, assieme alle Piramidi egizie e a tanti altri monumenti rinvenuti pressoché in ogni angolo del mondo. Costruita per diventare un’impenetrabile barriera difensiva e proteggere così l’Impero Cinese dalle popolazioni nomadi, è lunga oltre 21.000 km (se si considerano tutte le sue diramazioni) ed è oggi inserita tra i Patrimoni mondiali dell’UNESCO. Pensavamo ormai di sapere tutto su questa imponente opera ingegneristica, ma alcuni recenti studi hanno permesso di scoprire qualcosa di sorprendente.

Un team di ricercatori dell’Università di Tianjin ha analizzato attentamente diverse fotografie ad altissima risoluzione della Grande Muraglia, individuando così i resti di oltre 130 porte nascoste. Della loro esistenza si sospettava già, grazie ad alcune antichissime testimonianze scritte, ma gli studi di ricerca non avevano finora dato particolari frutti. In effetti, non si è trattato di un compito semplice: quest’immensa struttura difensiva è stata eretta in momenti diversi, a partire già dall’VIII secolo a.C. In quell’epoca, l’Impero era suddiviso in più regni e ciascuno di essi aveva delle imponenti mura.

Solo nel III secolo a.C., con l’avvento di Qin Shi Huang che contribuì ad unificare l’Impero Cinese (e a fondare la dinastia Qin), il sistema difensivo venne pian piano rafforzato e accorpò le mura già costruite in precedenza. Un ulteriore sforzo venne compiuto nel XIV secolo, durante la dinastia Ming, quando la Grande Muraglia diventò ancora più imponente. Tutto ciò ha reso questa un’enorme struttura irregolare difficile da studiare. Ma oggi abbiamo finalmente scoperto le porte nascoste che si celavano lungo la monumentale opera.

Grande Muraglia Cinese, a cosa servivano le porte nascoste

Analizzando le rovine delle oltre 130 porte individuate, sono emersi dettagli sorprendenti. Ciascuna di esse era ben mimetizzata con un sottile strato di mattoni sul lato rivolto verso l’esterno, in modo da non poter essere vista da eventuali nemici in arrivo. La parte interna era invece progettata per essere cava: nel momento in cui gli invasori avessero assalito il più vicino passo principale, i soldati a difesa della Muraglia potevano semplicemente sfondare la porta e sferrare il loro attacco a sorpresa. “Questa è una grande dimostrazione della saggezza militare dell’antica Cina” – ha affermato Li Zhe, uno dei ricercatori dell’Università di Tianjin.

Questi passaggi segreti svolgevano anche altre funzioni. Alcuni di essi consentivano l’accesso ai gruppi di ricognizione, altri servivano invece per l’ingresso e l’uscita di merci, come canale di comunicazione e di commercio.

Fonte: Libero tecnologia

Commenti