HomeHabit & Renewable Energies

Cina: scoperta nuova modalità di confinamento magnetico per la fusione nucleare

Al reattore EAST, in Cina, è stata scoperta una nuova modalità di confinamento magnetico, la super I-mode, che potrebbe rivelarsi essenziale per il progetto ITER. continua su: https://www.geopop.it/scoperta-nuova-modalita-di-confinamento-magnetico-per-la-fusione-nucleare-in-cina/ https://www.geopop.it/

Cina: scoperta nuova modalità di confinamento magnetico per la fusione nucleare

Cina, disposti a comunicare con nuovo governo afghano
BRICS: Argentina e Iran si candidano
La Dottrina Monroe fra Washington e Asia

La Cina annuncia il raggiungimento di un nuovo traguardo nel campo della fusione nucleare. Nello specifico, i ricercatori dell’EAST (Experimental Advanced Superconducting Tokamak) hanno confermato di aver scoperto una nuova modalità di confinamento magnetico del plasma chiamata “super I-mode”. Ma in cosa consiste esattamente? E perché è così importante per lo sviluppo futuro del progetto ITER, in Francia? In questo articolo analizzeremo in breve i risultati pubblicati dal team cinese sulla rivista Science Advances.

Il nuovo metodo di confinamento magnetico

I tokamak per funzionare sfruttano il cosiddetto confinamento magnetico, cioè si applica all’interno della struttura un fortissimo campo magnetico per contenere il plasma. Ecco, la ricerca svolta presso l’EAST di Heifei, in Cina, ha sviluppato un nuovo metodo per raggiungere questo confinamento magnetico, il super I-mode. In realtà l’esperimento è stato effettuato il 30 dicembre 2021, permettendo di mantenere il plasma attivo per circa 17 minuti, e solo il 6 gennaio sono stati pubblicati i risultati ufficiali in uno studio intitolato “Realization of thousand-second improved confinement plasma with Super I-mode in Tokamak EAST. Questa tecnica di confinamento permette di ottenere performance migliori rispetto a quelle precedentemente usate, come la H-Mode o la I-Mode.
Nello specifico permette di:

ridurre i danni alla struttura che circonda il plasma;
evitare accumuli di impurità metalliche nel nocciolo;
migliorare la stabilità del flusso delle particelle ;
ridurre le perdite di energia sul bordo del plasma.
Perché questa scoperta è importante?
Come citato nello studio, questa modalità potrebbe rappresentare un grande potenziale per ITER, il più ambizioso progetto di fusione nucleare del mondo attualmente attivo a Cadarache, in Francia. Qui infatti uno degli obiettivi a lungo termine è quello di ottenere impulsi lunghi, e questa modalità di confinamento magnetico potrebbe fornire indicazioni su come replicare un confinamento simile anche a ITER.

Fonte: Geopop.it

Commenti