HomeFinanziamenti

Investimenti sostenibili: promuovono la gestione attiva

Investimenti sostenibili: promuovono la gestione attiva

Intesa Sanpaolo con Salmoiraghi & Viganò per promuovere la cultura della salute
Banca Carige passa a Bper: cosa cambia per conti correnti e mutui?
La finanza decentralizzata sotto la rete di Bankitalia: rischi e opportunità

Le crescenti pressioni sociali e ambientali stanno rimodellando economie e industrie sotto i nostri occhi. Questo crea rischi e opportunità per gli investitori, i cui portafogli devono riflettere un mondo in forte evoluzione”. Parola di Rory Bateman, Co-Head of Investment and Head of Equities di Schroders, che di seguito spiega nei particolari la view.

In questo contesto sfidante, si rivelerà fondamentale avere una visione lungimirante piuttosto che affidarsi ai fattori di successo del passato. La crescita dei fondi passivi negli ultimi anni difficilmente va di pari passo con questo obiettivo.

I fondi passivi rappresentano oggi oltre un quarto degli investimenti globali in fondi sostenibili. Sebbene il loro slancio abbia chiaramente dimostrato la necessità di un accesso facile e a basso costo ai mercati globali, gli investitori in fondi passivi sostenibili rischiano di non trovare corrispondenza tra ciò che si aspettano e ciò che ottengono.

Quando si tratta di segmenti di mercato tradizionali, come “large cap” o “high yield”, gli investitori in strategie passive hanno un’idea piuttosto chiara del tipo di titoli che quei fondi deterranno. L’investimento sostenibile, invece, è molto diverso. Esistono forti incongruenze tra i punteggi assegnati da diverse società di rating ESG, molte delle quali vengono utilizzate per selezionare i titoli degli indici di numerosi prodotti ESG passivi. Le strategie ESG passive, quindi, sono tanto utili quanto i rating su cui si basano, fattore che, come dimostra la nostra ricerca, variano notevolmente. Inoltre, molti rating sono retrospettivi e di solito non riescono a prevedere le controversie. La performance di sostenibilità non può essere colta dalla sola analisi quantitativa, il che sottolinea ulteriormente l’importanza di un approccio attivo all’investimento.

L’identificazione delle caratteristiche ESG di un’azienda richiede un’analisi fondamentale, bottom-up e prospettica, in cui le opinioni differiscono inevitabilmente da un’azienda all’altra.

Per i gestori attivi questo rappresenta un’opportunità. Per loro stessa natura, infatti, hanno un interesse personale nelle società in cui investono. Aziende sostenibili generano rendimenti sostenibili. Ecco perché, aiutandole in questo processo, i gestori attivi ottengono un beneficio diretto per il loro portafoglio complessivo e per i rendimenti dei loro clienti.

Non esiste una risposta unica e semplice per raggiungere un futuro sostenibile. Occorreranno tempo e investimenti significativi per aiutare le aziende locali e globali a compiere il cambiamento.

Ma l’engagement da solo non è sufficiente. La misurazione è fondamentale per il successo. Qualsiasi gestore di fondi che prenda una decisione senza aver prima valutato i costi o i benefici che ogni azienda ha per l’ambiente e la società sta, per dirla senza mezzi termini, navigando alla cieca.

I risultati del nostro ultimo Institutional Investor Study mostrano chiaramente che anche i clienti sono desiderosi di capire. Dobbiamo sforzarci di mostrare come i diversi comportamenti delle aziende su temi quali la tassazione, la sanità e l’innovazione possano produrre costi o benefici sociali. Dobbiamo anche offrire una visione globale delle emissioni di carbonio azienda per azienda, non solo concentrandoci sulle emissioni maturate direttamente o attraverso la catena del valore dell’azienda, ma anche considerando quelle generate a cascata e raramente contabilizzate. Ci sono molti fattori e sfumature da considerare in questo dibattito. È vero che i grandi gestori passivi hanno aumentato le dimensioni dei loro team di stewardship, ma è molto più difficile replicare un processo di analisi approfondita, condotta con approccio critico.

I clienti stessi potranno esprimere le loro valutazioni, ma dovranno chiedere a ciascun gestore di portafoglio di dimostrare l’efficacia della loro attività di engagement, fornendo una visione completa del profilo di sostenibilità dei propri portafogli.

Nel lungo periodo, l’importanza di un approccio attivo all’investimento sostenibile diventerà sempre più evidente.

Fonte: Bluerating.it

Commenti