HomeFinanziamenti

Scadenze fiscali aprile 2022: dalla cessione del credito alla nuova rateizzazione delle cartelle

Scadenze fiscali, tanti gli appuntamenti di aprile 2022: dalla comunicazione della cessione del credito alla nuova rateizzazione delle cartelle, vediamo le date da segnare sul calendario.

Scadenze fiscali aprile 2022: dalla cessione del credito alla nuova rateizzazione delle cartelle

Detrazioni lavoro dipendente 2022: cosa cambia, calcolo e novità sulle tasse
Scadenza rottamazione cartelle: ultima chiamata il 7 marzo
Cessazione crediti fino a 3 volte: cosa cambia e le novità del decreto

Quali sono le scadenze fiscali più importanti di aprile 2022? Tante le date da segnare sul calendario, dalla comunicazione per l’opzione della cessione del credito alle liquidazioni mensili Iva. La scadenza più “corposa” cade il 19 aprile, con ben 58 versamenti comprensivi di imposta di bollo, le ritenute, la Tobin tax e le imposte sostitutive.

Il mese si conclude con l’invio dei dati negli elenchi Intrastat. Per il calendario degli appuntamenti fiscali di marzo si devono tenere in considerazione anche le novità arrivate con la conversione in legge del decreto Sostegni ter, cioè la proroga per la comunicazione delle opzioni di cessione del credito e sconto in fattura, e le misure introdotte dal decreto Milleproroghe, come la nuova chance per la rottamazione delle cartelle per i decaduti dalla pace fiscale.

Di seguito, una panoramica delle scadenze fiscali di aprile e le novità in arrivo.

Scadenze fiscali 7 aprile: comunicazione lavori edilizi dagli amministratori di condominio

Il primo appuntamento fiscale del mese cade il 7 aprile e riguarda gli amministratori di condominio, che dovranno comunicare all’Agenzia delle entrate le spese sostenute nel 2021 per i lavori di:

  • ristrutturazione;
  • riqualificazione energetica;
  • l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per l’arredo delle parti comuni dell’edificio ristrutturato.

Proroga per la comunicazione di cessione e sconto al 29 aprile

Ci sono novità importanti sulla scadenza per la comunicazione della cessione del credito e dello sconto in fattura per gli interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica, rischio sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica.

In questo momento sullo scadenzario dell’Agenzia delle entrate c’è segnata come data ultima il 7 aprile, ma bisogna tenere in considerazione la conversione in legge del decreto Sostegni ter. Uno degli emendamenti approvati, infatti, riguarda la proroga della scadenza per la comunicazione.

La nuova scadenza da prendere in considerazione per le spese sostenute nel 2021 e per le rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese nel 2022 la comunicazione per l’esercizio dell’opzione è il 29 aprile.

L’11 aprile ci sono due appuntamenti da segnare sul calendario. Il primo riguarda gli esercenti al minuto e attività assimilate, e le agenzie di viaggio e turismo che effettuano la liquidazione mensile ai fini Iva. Questi soggetti devono effettuare la comunicazione dei corrispettivi relativi alle operazioni in contanti legate al turismo effettuate nell’anno 2020 nei confronti delle persone fisiche di cittadinanza diversa da quella italiana e comunque diversa da quella di uno dei Paesi dell’Unione europea ovvero dello Spazio economico europeo, che abbiano residenza fuori dal territorio dello Stato, di importo pari o superiore a 1.000 euro.

Il secondo appuntamento consiste nella presentazione della domanda di iscrizione per il cinque per mille e riguarda:

  • enti del terzo settore;
  • Onlus;
  • associazioni sportive dilettantistiche.

15 aprile: adempimenti contabili in scadenza

A metà mese cade la scadenza per gli adempimenti contabili dei soggetti Iva, con l’emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo ad identificare i soggetti tra i quali effettuata l’operazione nonché fatture riferite alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione effettuate nel mese precedente.

Asd, pro-loco e altre associazioni devono annotare, anche con un’unica annotazione, l’ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguito nell’esercizio di attività commerciali, con riferimento al mese precedente.

19 aprile: in scadenza Iva, ritenute e imposte sostitutive

Il 19 aprile è una giornata di fuoco: ci sono ben 58 versamenti da effettuare segnati sullo scadenzario dell’Agenzia delle entrate.

Un panoramica degli appuntamenti:

  • pagamento dell’acconto pari al 100% dell’imposta di bollo provvisoriamente liquidata per il 2022;
  • Tobin tax: versamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie dovuta sulle operazioni su strumenti finanziari derivati e su valori mobiliari effettuate nel mese precedente;
  • il versamento delle ritenute operate nel mese precedente da parte dei sostituti d’imposta;
  • liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente;
  • il versamento dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali ai dipendenti erogate nel mese precedente.

Scadenze fiscali 26 aprile: Intrastat

Il 26 aprile gli operatori intracomunitari devono presentare gli elenchi riepilogativi Intrastat delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nei confronti di soggetti UE. La scadenza vale sia per i soggetti con obbligo mensile che per quelli con obbligo trimestrale.

Domanda rateizzazione cartelle per i decaduti della pace fiscale entro il 30 aprile

Il decreto Milleproroghe ha concesso una nuova possibilità di rateizzazione di quanto dovuto al Fisco ai contribuenti decaduti dalla pace fiscale prima del periodo di sospensione del decreto Cura Italia.

Fonte: Money.it

Commenti