HomeTourism

Turismo: dall’ Enit 9 milioni per digitalizzazione e promozione

Le domande entro il 19 aprile - Palmucci: «Passo concreto per il rilancio»

Turismo: dall’ Enit 9 milioni per digitalizzazione e promozione

La riforma della Pubblica Amministrazione all’ ultimo miglio
Il digitale nelle piccole e medie imprese può generare 10 miliardi
Digitale e innovazione: manuale per il prossimo governo

Il settore turistico è tra quelli che ha sofferto di più per la pandemia ed ora per il conflitto tra Russia e Ucraina. Inoltre è in una posizione chiave per la trasformazione digitale. Pertanto l’Enit, Agenzia Nazionale del Turismo, in collaborazione con il Ministero del Turismo, nell’ambito delle iniziative previste nel Piano Strategico del Turismo 2017-2022, ha previsto la concessione di risorse finanziarie per 9 milioni di euro a imprese e agenzie di comunicazione esperte del mondo digitale per sviluppare nuovi processi e interventi di promozione turistica, come si legge in una nota.

La presentazione delle domande dovrà avvenire entro il 19 aprile. Le imprese interessate dovranno essere idonee a migliorare la comunicazione digitale dell’offerta turistica organizzata italiana e favorire la ripresa dei flussi turistici nazionali ed internazionali. Si punta al rafforzamento del posizionamento competitivo della destinazione Italia nel mercato interno, internazionale di prossimità ed extraeuropeo, ampliando i mercati di riferimento con un’offerta differenziata; allo sviluppo di iniziative integrate tra diversi ambiti tematici quali cultura, economia, ambiente e turismo; alla valorizzazione delle offerte turistiche e delle esperienze territoriali, con il sostegno alle identità locali nell’ambito di una strategia unitaria, coerente e omogenea con la destinazione Italia.

Progetti, programmi e campagne di informazione e di promozione – fa sapere l’Enit – devono essere realizzati, coerentemente con quanto previsto dal Piano Strategico del Turismo 2017-2022 e dall’Agenda Onu 2030, nell’ambito di politiche di sviluppo sostenibile e di valorizzazione dei territori e delle comunità con il loro patrimonio culturale, in armonia con l’ambiente, in una concezione ecologica ed ecosistemica complessa.

«Un nuovo concreto tassello per la crescita e il rilancio della filiera turistica, un modo per non lasciare indietro nessuno e per guardare con ottimismo al futuro» dichiara il presidente Enit, Giorgio Palmucci.

Fonte: Il Sole 24 ore

Commenti