HomeFinanziamenti

Finanziamenti: 20 milioni per chi assume tirocinanti

Finanziamenti: 20 milioni per chi assume tirocinanti

Decreto sostegno 2021, novità per reddito di cittadinanza: ecco quali
Private equity e venture capital: investimenti record nel 2021, forte rimbalzo
Decreto sostegni, le principali misure adottate

medium_110201-182457_ro191004eco_0013

 
LAVORO In arrivo 20 milioni per il Super bonus occupazionale, lo strumento del programma Garanzia Giovani per la trasformazione dei tirocini in assunzioni.
Nei primi quattro mesi di operatività del Super bonus, 5.412 tirocini sono stati trasformati in contratti di lavoro, di cui 3.392 in forma di apprendistato professionalizzante e 2.020 a tempo indeterminato.
Esaurito il primo stanziamento da 50 milioni di euro, il Ministero del Lavoro annuncia ora altri 20 milioni per le assunzioni effettuate dal 1° marzo 2016 al 31 dicembre 2016 nell’intero territorio nazionale, con esclusione della Provincia di Bolzano.
Le assunzioni devono configurarsi come contratti a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione, apprendistato professionalizzante o lavoro subordinato in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro. Sono ammessi i contratti part time, purché l’orario concordato sia pari o superiore al 60% di quello normale.
Tutti i datori di lavoro privati (non solo le imprese) possono richiedere i contributi, purché i giovani assunti non superino i 29 anni di età e abbiano iniziato o concluso un tirocinio nell’ambito della Garanzia Giovani entro il 31 gennaio 2016.
Le domande devono essere inviate in via telematica all’INPS, che determina il valore del contributo previsto – dai 3mila ai 12mila euro in relazione alla classe di profilazione attribuita al giovane – e prenota le relative risorse. A quel punto il datore di lavoro ha sette giorni di tempo per effettuare l’assunzione e quattordici giorni lavorativi per chiedere la conferma della prenotazione.
Ottenuta la conferma, si può a quel punto fruire del Super bonus può in 12 quote mensili di pari importo mediante conguaglio o compensazione sulle denunce contributive.

 

fonte metro

Commenti