HomeEuropean Banking News

Clima, allarme Onu: vicini al punto di non ritorno, colpa dell’uomo

Secondo l’Onu la temperatura del pianeta, se non si tagliano rapidamente le emissioni di CO2, è destinata a salire di 1,5 gradi di qui al 2040. “Il cambiamento climatico avanza a velocità impressionante”. Auto, assicurazioni e turismo alle prese con l’emergenza

Clima, allarme Onu: vicini al punto di non ritorno, colpa dell’uomo

C’è chi vuole costruire una scatola nera della Terra che registri i dati sulla crisi del clima
Italy may have registered Europe’s hottest temperature on record
I problemi del cambiamento climatico: parte seconda

Non è certo una novità assoluta, ma fa impressione l’analisi in cifre sottoscritta da 243 scienziati. “Nello scorso mese di maggio – si legge- i livelli di CO2 nell’atmosfera sono saliti a quota 419, a causa di consumo di carburanti fossili,  produzione di cemento e effetto della deforestazione in varie parti del pianeta. Mai, in 3,6 milioni di anni si è   raggiunto un livello del genere”. Intanto il livello del metano nell’atmosfera è due volte e mezzo sopra i valori del secolo scorso. A queste considerazioni macro possono essere aggiunte le indagini sul campo dei “detective” del clima, i sette esperti del WWAI (World Weather Activity) che hanno dimostrato come solo l’attività umana può esser colpevole per il riscaldamento innaturale della cittadina di Lytton in Canada (49,6 gradi a luglio) o della siberiana Verkhovansk (38 gradi in quella che era un rifugio per orsi polari).

Dati questi valori, è il responso della comunità scientifica, il mondo è ormai vicino al punto di non ritorno. Interventi drastici, in grado di ridurre in maniera sostanziale l’utilizzo del carbon fossile possono limitare i dramma, ma comunque la temperatura del pianeta salirà ancora di un grado e mezzo fino al 2040 e di 1,6 gradi al 2050 prima di invertire la curva. Ma se si continuerà con l’andazzo attuale, è il monito del report che farà da base scientifica alla conferenza di Glasgow sul clima del prossimo novembre, le temperature saliranno di 1,9 gradi entro il 2040, addirittura di 3 gradi nel 2060 e di 5,7 alla fine del secolo, quando il livello dei mari sarà di mezzo metro più alto.

Ecco l’emergenza che sta condizionando (e ancor più condizionerà) l’andamento dei mercati finanziari e della politica. Vale per l’automobile, dove gli Usa hanno appena raggiunto l’Europa con forti limitazioni ai motori a combustione dal 2030, così come le attività industriali più inquinanti. Così come coinvolge i servizi, a partire dal turismo, Ma vale altrettanto per le attività finanziarie, dalle assicurazioni ai bond non solo verdi.

Fonte: Firstonline

Commenti