HomeCommunication & Tecnologies

Creata ‘gomma elettrica’. Scienziati perplessi: “non dovrebbe esistere

Il materiale appena sviluppato va contro tutte le regole che conosciamo sulla conducibilità. Gli scienziati non hanno ancora idea del perchè.

Creata ‘gomma elettrica’. Scienziati perplessi: “non dovrebbe esistere

La Grande Muraglia verde: la sfida ecologica del nostro tempo
Truppe, armi, basi militari americane in Italia: una mappa difficile da ricostruire
Poche aziende italiane puntano su una strategia d’ innovazione davvero integrata

La ricerca, pubblicata il 26 ottobre su Nature, mostra come creare un tipo di materiale in cui i frammenti molecolari sono confusi e disordinati, ma possono comunque condurre l’elettricità molto bene.

Questo va contro tutte le regole che conosciamo per la conducibilità: per fare un esempio, per gli scienziati è come vedere un’auto che esce di strada, finisce sull’acqua e continua a correre a 100 all’ora senza cambiare comportamento.

Verso dispositivi elettrici modellabili?

La scoperta fatta a Chicago è parzialmente inspiegabile e parzialmente fortuita: proprio come tutte le grandi scoperte. Potrebbe avere una straordinaria utilità.

“In linea di principio apre alla progettazione di dispositivi totalmente nuovi,” dice John Anderson, professore associato di chimica presso l’Università di Chicago e autore senior dello studio. “Potremo ottenere materiali che conducono elettricità, sono facili da modellare e sono molto robusti per l’uso quotidiano”.

“Non c’è una teoria per spiegare questo”

Lo sappiamo: i materiali conduttivi sono cruciali per tv, cellulari ed altri dispositivi elettronici. I più noti e diffusi sono i metalli: rame, oro, alluminio.

Circa 50 anni fa, gli scienziati sono stati in grado di creare conduttori realizzati con materiali organici, con un trattamento chimico noto come “doping”. In sintesi, spruzzando diversi atomi o elettroni attraverso il materiale. Questo ha portato a materiali più flessibili e malleabili rispetto ai metalli tradizionali, ma il problema è che non sono molto stabili: possono perdere la loro conduttività se esposti all’umidità o se la temperatura diventa troppo alta.

 

Tutti questi conduttori metallici organici hanno una caratteristica comune: sono costituiti da file di atomi o molecole diritte e ravvicinate. E gli scienziati pensavano che per condurre bene l’elettricità questa fosse la configurazione ottimale.

 

Quando il primo autore di questo studio, Jiaze Xie, ha iniziato a sperimentare alcuni materiali scoperti anni fa, ma in gran parte ignorati, ha scoperto una cosa sorprendente.

Illustrazione della struttura del materiale. Gli atomi di nichel sono mostrati in verde, gli atomi di carbonio in grigio e gli atomi di zolfo in giallo.

Infilando atomi di nichel come perle in una “collana” molecolare fatta di carbonio e zolfo, ha notato che il materiale ottenuto conduceva elettricità. E lo faceva benissimo.

“Lo abbiamo riscaldato, raffreddato, esposto all’aria e all’umidità, perfino irrorato con acido, ma non è successo nulla”, dicono gli scienziati. E, cosa ancora più sorprendente, la struttura molecolare del materiale è disordinata. “Questo non dovrebbe poter essere un metallo”, dice Anderson. “Non c’è una solida teoria per spiegare questo.”

Gli scienziati ammattiscono

Xie, Anderson e colleghi hanno stanno cercando di capire come questa “roba” possa condurre l’elettricità. L’ipotesi è che il materiale formi degli strati, come fogli in una lasagna. Per questo, anche manipolandolo, gli elettroni possono comunque muoversi al suo interno finché questi sottili strati sono in contatto.

Il risultato finale è senza precedenti per un materiale conduttivo. Come detto, è quasi come un Play-Doh conduttivo: puoi schiacciarlo in posizione e continua a fare il suo lavoro.

 

Gli scienziati sono entusiasti perché la scoperta suggerisce un principio di progettazione fondamentalmente nuovo per la tecnologia elettronica. Un principio che ha applicazioni praticamente infinite.

 

C’è di più: mentre i metalli di solito devono essere fusi prima di ottenere la forma giusta per un chip o un dispositivo, questo nuovo materiale non ha limiti del genere: può essere prodotto a temperatura ambiente.

Dove riusciremo ad usarlo? Ovunque. Nell’ elettronica 2D e 3D. Nei materiali porosi. Nell’internet delle cose. Superato lo stupore, per gli scienziati c’è solo un’autostrada di fantasia.

Fonte: Future.it

Commenti