HomeCommunication & Tecnologies

Pronti, partenza, via! Ecco Cassie, il robot più veloce al mondo

Nella pista di atletica della Oregon State University il robot bipede Cassie ha stabilito il nuovo record di velocità sui 100 metri: ci ha messo più del doppio di Bolt.

Pronti, partenza, via! Ecco Cassie, il robot più veloce al mondo

Trapianto d’orecchio: stampato con le cellule 3D
How technology can help redraw the supply chain map
Apple: in Italia il settore ha creato 85 mila posti di lavoro

Un robot bipede inventato dall’azienda Agility Robotics della Oregon State University è entrato nel Guinness dei primati battendo il record di corsa (nella categoria robot) sulla distanza dei 100 metri, con un tempo di 24,73 secondi. Niente di eclatante per un umano (Usain Bolt, l’uomo più veloce al mondo, ci impiega appena 9,58 secondi), ma un traguardo notevole per una macchina, che è riuscita a non inciampare né cadere per tutto il percorso.

UNO STRUZZO A METÀ. Nonostante il nome faccia pensare a un’umanoide dalle sembianze femminili, l’aspetto di Cassie è tutt’altro che umano: la struttura e l’andamento nella corsa ricordano quelle di uno struzzo al quale è stata tolta la parte superiore del corpo.

Cassie non è nuova a record e grandi traguardi: nel 2021 era riuscita a percorrere 5 km di corsa in poco più di 53 minuti, diventando il primo robot bipede a utilizzare l’apprendimento automatico (machine learning) per controllare l’andatura di una corsa all’aperto.

ALLENAMENTO INTENSO. Il robot non ha sensori né videocamere, perciò si muove essenzialmente come se fosse cieco, contando solo su quanto gli è stato insegnato. L’allenamento è stato breve ma intenso: è durato appena una settimana, ma quanto appreso è pari a un anno di esercizio fisico. Cassie ha elaborato diversi calcoli e processi, apprendendo da diverse fonti contemporaneamente.

CORRIDORI ROBOTICI. Quello della Oregon State University è per ora il robot più veloce, ma non il primo a correre: prima di lui c’è stato Atlas della Boston Dynamics − che correva ad appena 1,5 metri al secondo ma effettuava salti e capriole degni di un ginnasta – e prima ancora Mabel dell’Università del Michigan, il robot bipede dotato di ginocchia più veloce al mondo (3,6 metri/secondo). Per ora un testa a testa Bolt-robot non è ancora fattibile, ma vista la velocità con cui corre (letteralmente) la tecnologia ne riparleremo forse tra pochi anni.

Fonte: Focus.it

Commenti