HomeBanche d'Italia

Unicredit, risultati 2023 da record con utili in rialzo del 50%, acconto sul dividendo e buyback

risultati di bilancio di Unicredit coronano un triennio di grande crescita della gestione Orcel. L’utile netto è stato di 8,6 miliardi mentre l’utile netto contabile ha raggiunto la cifre record di 9,5 miliardi, più alta di 3 miliardi rispetto al 2022

Unicredit, risultati 2023 da record con utili in rialzo del 50%, acconto sul dividendo e buyback

Fonte: Firstonline.it Conti record per Unicredit per il 2023. Il consiglio di amministrazione ha approvato i risultati consolidati del Gruppo al 31

UniCredit presenta Buddy R-Evolution, la nuova filiale digitale. Ecco le novità
Sostenibilità, Intesa Sanpaolo sostiene Wiit: 10 milioni di euro con garanzia green di Sace
Intesa Sanpaolo: parte la quarta Elite Lounge 2023, il programma di accelerazione per le Pmi italiane

Fonte: Firstonline.it

Conti record per Unicredit per il 2023. Il consiglio di amministrazione ha approvato i risultati consolidati del Gruppo al 31 dicembre 2023, relativi al quarto trimestre e all’intero anno fiscale 2023.

UniCredit ha concluso l’anno con utile netto di 8,6 miliardi di euro e un RoTE del 16,6% o del 20,5% considerando un CET1 ratio al 13%, dopo gli aggiustamenti per il capitale in eccesso. L’utile netto contabile ha raggiunto i 9,5 miliardi, mostrando un aumento di oltre il 50% e più alto di 3 miliardi rispetto al 2022 (superate le attese degli analisti fissate a 7,9 miliardi). I ricavi totali sono pari a 23,8 miliardi, +17,3% rispetto all’anno precedente mentre il risultato lordo di gestione è stato di 14,372 miliardi, con un incremento del 33,3%.
La banca ha annunciato l’introduzione un acconto dividendo e un programma di riacquisto azioni proprie, prevedendo una distribuzione totale di circa 10 miliardi nell’anno solare 2024. Questa iniziativa mira a fornire agli azionisti un rendimento da dividendo stimato intorno al 10%. L’EPS (utile per azione) è aumentato del 74%, raggiungendo i 4,71 euro, mentre il DPS (dividendo per azione) ha registrato un incremento dell’80%, attestandosi a 1,78 euro.

L’indice di solidità patrimoniale, il Cet 1 ratio, si è attestato al 15,89% (il consenso lo vedeva al 16,54%) nel 2023, in rialzo di circa 100 punti base nonostante la distribuzione del 100% dell’utile netto nel FY23.

La guidance 2024 è essenzialmente in linea con i risultati del FY23, con un RoTE previsto intorno al 16,5%. Inoltre, è stata introdotta una politica di distribuzione ordinaria a partire dal 2024 di almeno il 90% dell’utile netto.

“Questo anno da record è la prova evidente della trasformazione di UniCredit ben avviata lungo la strada per costruire un’eccellenza sostenibile” sottolinea la banca guidata dal ceo Andrea Orcel.

I dati del quarto trimestre 2023

Nel quarto trimestre del 2023, la Banca ha riportato un utile netto contabile di 2,8 miliardi di euro e un utile netto di 1,9 miliardi. I ricavi netti hanno toccato quasi i 6 miliardi (5,7 miliardi, in aumento del 5,7% anno su anno), di cui 3,6 miliardi provenienti dal margine di interesse, principalmente grazie a tassi più elevati e a una gestione efficace del pass-through dei depositi.

Le commissioni ammontano a 1,8 miliardi, registrando una leggera diminuzione dello 0,6% anno su anno, principalmente a causa delle riduzioni delle commissioni sui conti correnti in Italia e degli aumenti dei costi di cartolarizzazione. Al netto di queste componenti, le commissioni sono cresciute del 3,5% anno su anno, confermando la loro resilienza nonostante un contesto macroeconomico sfavorevole.

Nel trimestre in esame, i costi operativi hanno raggiunto i 2,5 miliardi, evidenziando un aumento del 6,9% rispetto ai tre mesi precedenti e dell’0,8% anno su anno. Nel corso del 2023, i costi totali sono diminuiti dell’1% rispetto all’anno precedente, stabilendosi a 9,5 miliardi. Questa riduzione è avvenuta mantenendo la crescita dei ricavi, riflessa nell’efficace rapporto costi/ricavi del 39,7%.

Dividendo e buyback

UniCredit prevede di distribuire agli azionisti un totale di 8,6 miliardi nel 2023, suddivisi tra riacquisto di azioni proprie per 5,6 miliardi e dividendo per 3 miliardi, soggetti all’approvazione dei soci e dell’autorità di vigilanza. Questo rappresenta un payout totale del 100% sull’utile netto del 2023.

UniCredit ha già avviato l’esecuzione della distribuzione anticipando una prima tranche di riacquisto di azioni proprie per 2,5 miliardi, iniziata a ottobre 2023 e completata per 1,4 miliardi entro la fine del 2023.

A partire dal 2024, la politica di distribuzione ordinaria del gruppo prevede un payout di almeno il 90% dell’utile netto. L’accantonamento del dividendo aumenterà al 40% dell’utile netto (rispetto al 35% nel 2023), con la restante parte del payout dell’utile netto che sarà effettuata tramite riacquisti di azioni proprie.

La decisione finale sulla ripartizione tra dividendi e riacquisto di azioni proprie sarà influenzata dalle condizioni di mercato e verrà presa dopo la pubblicazione dei risultati del 2024, insieme alla decisione complessiva sulle distribuzioni.

L’introduzione di un acconto sul dividendo, basato sull’utile netto del 2024, consentirà una distribuzione di circa 10 miliardi nell’anno solare 2024. Di questi, circa 7,2 miliardi saranno relativi alla parte residua della distribuzione del 2024 (escludendo 1,4 miliardi relativi al riacquisto di azioni proprie del 2023 già eseguito nel 2023) e circa 3 miliardi saranno relativi all’acconto della distribuzione del 2024.

Il programma di buyback della banca ha generato nel 2023 un utile per azione (EPS) di 4,71 euro, triplicando la media del periodo 2017-2019. Il dividendo per azione (DPS) è stato di 1,78 euro, registrando un aumento di nove volte rispetto alla media nel periodo 2017-2019. Inoltre, il Tangible Book Value per azione è salito a 33,3 euro, rappresentando un aumento del 46,0% rispetto alla media nel periodo 2017-2019.

Unicredit: la guidance 2024

UniCredit ha presentato la guidance per il 2024, evidenziando un margine di interesse (NII) influenzato dal pass-through sui depositi, da una minore contribuzione della Russia (-0,3 miliardi) e da volumi minori, compensati parzialmente da un impatto positivo del “replicating portfolio” (+0,4 miliardi).

Il costo del rischio è previsto sotto i 20 punti base, rimanendo stabile o in lieve aumento, supportato dalla solida qualità degli attivi e dalle opzioni di rilascio o impiego degli overlay. La guidance prevede una significativa riduzione delle voci non operative, con i costi di integrazione prossimi allo zero (-1,1 miliardi) e oneri di sistema inferiori (maggiore di -0,2 miliardi).

La banca mira a ottenere nel 2024 un utile netto sostanzialmente in linea con il 2023, con ricavi netti previsti intorno a 22,5 miliardi, un RoTE al 16,5%, e una crescita a doppia cifra di utile e dividendo per azione.

Orcel: “dodicesimo trimestre consecutivo di crescita, nostra strategia unica e vincente”

“Per il Full Year 2023 UniCredit ha prodotto un Utile Netto record pari a 8,6 miliardi di euro, un aumento di oltre il 50% rispetto all’anno precedente. Il quarto trimestre è stato il dodicesimo consecutivo di una crescita di qualità e redditizia, prova incontestabile della nostra strategia unica e vincente. Questo dimostra cosa possiamo raggiungere quando mettiamo i clienti al centro di ciò che facciamo e ci concentriamo sull’esecuzione della nostra trasformazione industriale, con ciascuno dei tredici paesi della nostra rete paneuropea che contribuisce al nostro successo. E se da un lato abbiamo superato di gran lunga le nostre ambizioni iniziali con UniCredit Unlocked, il nostro percorso è tutt’altro che terminato. Intendiamo distribuire agli azionisti un totale di 8,6 miliardi per il 2023, o il 100% dell’Utile Netto, in attesa delle approvazioni, in rialzo di 3,35 miliardi rispetto allo scorso anno, aumentando al contempo il nostro CET1 ratio di circa 100 pb al 15,9%. Dal 2021, abbiamo restituito 17,6 miliardi ai nostri azionisti, grazie ad una generazione organica di capitale estremamente solida e con la sostenibilità dei nostri rendimenti assicurata dal nostro momentum strategico e dal significativo capitale in eccesso

Commenti