HomeBanche per L'impresa

Intesa San Paolo – Che cos’è IMPRESAMBIENTE?

Intesa San Paolo – Che cos’è IMPRESAMBIENTE?

Inps: bonus celiaci da 1.488 euro. Ecco come ottenerlo
Cosa c’è dietro la richiesta di scostamento di bilancio?
I finanziamenti all’ industria fossile sono aumentati di 335 miliardi in un anno

impresambienteUn grande gruppo bancario come Intesa Sanpaolo ha un notevole impatto sul contesto sociale e ambientale in cui svolge la propria attività. E’ dunque responsabilità del Gruppo agire non solo in funzione del profitto ma con l’obiettivo di creare valore per tutti i suoi stakeholder – i clienti, i collaboratori, gli azionisti, i fornitori, l’ambiente e la collettività in generale.

Intesa Sanpaolo conferma l‘importanza della responsabilità sociale di impresa come parte integrante della sua strategia e, nella convinzione che le scelte socialmente e ambientalmente sostenibili siano anche economicamente vincenti, ritiene che sia possibile creare valore nel tempo attraverso una conduzione dell’impresa basata su tre solide direttrici – economico finanziaria, sociale e ambientale – e cementata da una trasparente corporate governance.

Le sfide poste dal cambiamento climatico sono sempre più evidenti e urgenti: la salvaguardia dell’ambiente non è più una materia di nicchia ma un tema strategico nelle decisioni di tutti gli attori, in particolare delle istituzioni finanziarie per il loro ruolo di erogatore di credito.
Intesa Sanpaolo ha tradotto il suo impegno in una Policy Ambientale che definisce i principi e le linee guida relative alla dimensione ambientale e agli impatti generati dalla propria attività, sia quelli diretti sia quelli indiretti, nonché nell’adesione di standard internazionali, quali il Global Compact e lo UNEP FI.

Una speciale considerazione viene riservata agli aspetti ambientali diretti, generati dalle attività della Banca: attraverso il monitoraggio dei consumi e la realizzazione di iniziative di miglioramento della gestione energetica, dei rifiuti, degli acquisti verdi, della manutenzione degli immobili e degli impianti, cerchiamo di rendere sempre più leggera la nostra “impronta ecologica”. Facciamo parte del consorzio ABIEnergia, punto di riferimento del sistema bancario per le attività legate all’efficienza energetica e al rischio associato all’utilizzo di energia, ai consumi e al conseguente impatto ambientale. Queste azioni ci hanno permesso di poter ottenere le certificazioni UNI EN ISO 14001 e UNI CEI EN 16001.

Sul fronte degli impatti indiretti, generati dall’attività dei propri clienti e fornitori, Intesa Sanpaolo può esercitare un’influenza positiva, favorendo l’adozione di scelte ecocompatibili attraverso l’offerta di prodotti e servizi e integrando criteri socio-ambientali nei modelli di valutazione del rischio per la concessione del credito alle imprese e nella scelta dei fornitori.

Divisione Banca dei Territori

Il Gruppo Intesa Sanpaolo si è affermato in questi anni come uno dei principali finanziatori delle famiglie e delle imprese che investono nel settore dell’energia pulita e del controllo delle emissioni, che si conferma tra quelli trainanti per il superamento della crisi economica in atto.

Intesa Sanpaolo offre una vasta gamma di finanziamenti a supporto di investimenti nel settore dell’energia e dell’ambiente, a partire dalle famiglie sino ai grandi progetti industriali.
Per le piccole e medie imprese Intesa Sanpaolo ha messo a punto specifiche soluzioni di finanziamento che, grazie agli accordi quadro con il Gestore Servizi Elettrici (GSE), possono essere garantiti direttamente dalla cessione dei crediti derivanti dagli incentivi (conto energia e tariffa unica omnicomprensiva).

Particolare rilevanza strategica in questa fase rivestono gli investimenti nella ricerca e nell’innovazione tecnologica, indispensabili per ridurre i costi di realizzazione degli impianti e garantire uno sviluppo futuro, anche nel momento in cui il sistema incentivante verrà ridimensionato, in linea con quanto avvenuto nel resto dell’Europa.

 

Divisione Corporate ed Investment Banking – La promozione delle tecnologie più innovative

L’innovazione tecnologica gioca un ruolo fondamentale nel settore dell’energia sostenibile: nuove fonti energetiche, sistemi di produzione di energia sempre più efficienti ed economici, dispositivi e processi mirati a ridurre i consumi degli usi finali sono solo alcuni esempi che indicano quanto il settore sia profondamente caratterizzato da una continua evoluzione.

Intesa Sanpaolo ha fra i suoi obiettivi principali il supporto dell’innovazione, e con questo proposito la Divisione Corporate Investment Banking ha predisposto un’offerta integrata di iniziative per promuovere la diffusione delle tecnologie più innovative:

Start-Up Initiative

La Intesa Sanpaolo Start-Up Initiative è un programma per la formazione e la promozione di aziende in fase di start-up ad alto contenuto tecnologico.

A chi si rivolge
Alle aziende in fase di start-up in cerca di investitori, che offrano prodotti o servizi con tecnologie innovative.
Ad investitori istituzionali, business angels, aziende o private investors in cerca di opportunità di investimento.

Cosa propone
Il processo prevede un periodo formativo finalizzato a costruire una presentazione efficace del business plan e l’organizzazione di eventi dedicati, sia in Italia che presso le nostre sedi estere in cui le aziende selezionate incontrano investitori in capitale di rischio.
La Start-Up Initiative si articola in più edizioni nel corso dell’anno, dedicate a settori tecnologici differenti tra cui quello del Cleantech (energie rinnovabili, efficienza energetica, acqua e ambiente).


T.O.P. – Technological Opportunity Proposal

L’iniziativa T.O.P. è un servizio dedicato mirato ad offrire opportunità di investimento in tecnologie innovative prossime allo sviluppo industriale o già mature, con un approccio di “open innovation”.

A chi si rivolge
Imprese Corporate interessate a valutare acquisizione di tecnologie offerte da aziende in fase di crescita (come quelle presenti nei portafogli dei Venture Capitals)

Cosa propone
Intesa Sanpaolo si propone di offrire un servizio dedicato specifico per ciascun Cliente:

  • Raccolta di indicazioni sulle specifiche tecnologiche obiettivo di innovazione del Cliente;
  • Scouting di aziende target con tecnologie che rispondano alle specifiche;
  • Incontro tra Cliente e azienda target per finalizzare l’acquisizione di tecnologia (attraverso M&A, Licensing brevettuali o altre possibili partnership).

L’iniziativa T.O.P. è focalizzata su ambiti tecnologici specifici, tra cui il Cleantech (energie rinnovabili, efficienza energetica, acqua e ambiente), per offrire opportunità di livello qualitativo elevato, puntando sui settori più strategici per lo sviluppo dell’economia.


Desertec

Il concetto “Desertec” è una visione: garantire l’approvvigionamento sostenibile di energia elettrica per tutte le regioni del mondo che abbiano accesso al potenziale energetico dei deserti. Fondata a Monaco di Baviera nell’ottobre del 2009, la Dii è un consorzio internazionale sostenuto da oltre 55 aziende ed organizzazioni di 16 paesi, che si impegna a favore della realizzazione di Desertec nella regione EU-MENA (Europa, Medio Oriente e Nord Africa).

Più concretamente, l’iniziativa mira a creare le condizioni contestuali necessarie per sfruttare su grandi superfici l’energia solare ed eolica nei deserti. L’energia elettrica prodotta nelle regioni desertiche è destinata in primo luogo all’approvvigionamento delle popolazioni dei Paesi in cui viene generata, mentre in un secondo tempo deve mettere i Paesi produttori in condizione di esportare energia elettrica in Europa.

In collaborazione con attori locali (governi, imprese) sorgeranno molti progetti particolari per la generazione e il trasporto dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. In tale contesto, Dii svolge funzioni di preparazione all’avvio dei progetti, di catalizzazione dei processi e di coordinamento delle azioni. Intesa Sanpaolo partecipa a Dii come Associate Partner perchè:

  • rispecchia i nostri valori fondamentali, come la ricerca dell’eccellenza, la promozione dell’innovazione e l’uso responsabile delle risorse;
  • l’Italia ha un ruolo chiave nella realizzazione del progetto Desertec, come hub di trasferimento dell’energia prodotta e il nostro gruppo può portare un contributo significativo a promuovere il progetto nel contesto degli stakeholders Italiani; la nostra presenza internazionale e il focus sui Paesi di Europa e MENA sono una prerogativa strategica per sostenere l’iniziativa.

Per quanto riguarda la sua funzione di preparazione della strada all’avvio dei singoli progetti, Dii si pone tre obiettivi:

  • La creazione di un clima positivo per gli investimenti: sviluppo di condizioni contestuali tecniche, economiche, politiche e normative che rendano attraenti e possibili gli investimenti in energie rinnovabili e nelle reti di energia elettrica interconnesse Nord Africa e nel Medio Oriente.
  • La promozione e avvio di alcuni progetti selezionati che fungano da riferimento, per comprovare la fattibilità e ridurre i costi.
  • Lo sviluppo di un piano di attuazione a lungo termine (rolloutplan) per il periodo fino al 2050, comprendente raccomandazioni e suggerimenti per gli investimenti e i finanziamenti.

Fonte – impresambiente.intesasanpaolo.com

Commenti