HomeBanche d'Italia

Banco Bpm: JP Morgan esce dal capitale, collocato green bond da 750 milioni

Secondo le ultime comunicazioni Consob JP Morgan avrebbe venduto la sua quota del 5,198% – A chi andrà ora la quota? Per il Green Bond Senior 1,4 miliardi di ordini da 120 investitori istituzionali

Banco Bpm: JP Morgan esce dal capitale, collocato green bond da 750 milioni

Unicredit e Prelios: accordo per la gestione dei crediti Utp
Unicredit e sviluppo sostenibile: alla pugliese Nias finanziamento green da 1,5 milioni
Il Gruppo BPER contro il caro energia: stanziato 1 miliardo per le imprese

Continuano le manovre su Banco Bpm. Stavolta al centro dell’attenzione c’è JP Morgan che ha azzerato la propria partecipazione nella Banca di Piazza Meda, vendendo la sua quota del 5,198%. La novità arriva dalle comunicazioni della Consob sulle partecipazioni rilevanti.

JP Morgan e Banco Bpm

Il colosso bancario statunitense guidato da Jamie Dimon era entrato nel capitale di Banco Bpm lo scorso aprile quando, dopo l’ingresso di Credit Agricole che aveva acquistato una quota del 9,2%, aveva annunciato di avere in mano oltre il 7% di Banco Bpm tra azioni e derivati. Lo scorso agosto la partecipazione era stata limata al ribasso, arrivando al 5,2%. Una percentuale che rendeva comunque JP Morgan secondo azionista di Piazza Meda dietro ai francesi. Il 4 gennaio però, la banca Usa ha venduto la sua quota.

La domanda che molti si pongono è: a chi? Gli occhi di tutti si sono concentrati proprio su Credit Agricole. La divisione italiana ha però escluso il proprio coinvolgimento. Da considerare inoltre che, se Credit Agricole avesse davvero acquistato gli strumenti in mano a JP Morgan, avrebbe dovuto secondo le regole Consob comunicarlo al mercato (è infatti obbligatorio per chi supera il 10%).

Banco Bpm emette con successo green bond senior da 750 milioni

Ma la vendita di JP Morgan non è l’unica novità odierna arrivata da Piazza Meda. Banco Bpm ha infatti comunicato di aver portato a termine con successo una nuova emissione Green Senior Preferred, con scadenza quattro anni per un ammontare pari a 750 milioni di euro.

Gli ordini sono stati pari a 1,4 miliardi di euro, raggiungendo dunque quasi il doppio dell’emissione. Il collocamento ha coinvolto circa 120 investitori e il 78% degli ordini allocati hanno avuto una connotazione ESG. Il titolo è stato emesso ad un prezzo pari a 99,613% e paga una cedola fissa del 4,875%.

“L’obbligazione, che è riservata agli investitori istituzionali, è stata emessa a valere sul Programma Euro Medium Term Notes dell’emittente e ha un rating atteso di Ba1/BBB-/BBB (Moody’s/Fitch/DBRS). I proventi derivanti dall’emissione del titolo saranno destinati al finanziamento e/o al rifinanziamento di Eligible Green Loans, come definiti nel Green, Social and Sustainability Bond Framework della banca”, fa sapere Banco Bpm in una nota.

Si tratta della quinta emissione nell’ambito del Green, Social and Sustainability Bond Framework, per un valore complessivo di emissioni ESG pari a 3 miliardi di euro.

Tornando all’emissione, gli investitori che hanno partecipato all’operazione sono principalmente asset manager (61%) e banche (27%), mentre la distribuzione geografica vede la presenza prevalente di investitori esteri (tra cui Francia col 19%, Regno Unito e Irlanda col 18%, Germania e Austria con l’11%) e dell’Italia col 42%.

Fonte: Firstonline.it

Commenti