HomeLa Riflessione

LA PISTA DI BOB di CORTINA

LA PISTA DI BOB di CORTINA

A cura di Paola Bergamo Fonte: Linkedin ( Sprint, Light, Chip…ma ci si dimentica il peso delle uniche parole che contino davvero : Sport, Sosten

Cos’è la tassa minima globale e perché gioca un ruolo chiave nella riforma del fisco
Nasce in Italia l’acceleratore per la finanza nel Metaverso. Ecco chi c’è dietro
Giorgia Meloni negli States fa un chiaro riferimento ai valori Repubblicani.

A cura di Paola Bergamo

Fonte: Linkedin

( Sprint, Light, Chip…ma ci si dimentica il peso delle uniche parole che contino davvero : Sport, Sostenibilità e Fruibilità nel futuro!)
L’Italia dovrebbe riuscire a costruire una pista di Bob in 250 giorni in meno di quello che ci impiegarono Russi e Cinesi nelle loro Olimpiadi invernali!! Sara’….tra il dire e il fare ci sta di mezzo pure il Meteo! Siamo in montagna, di solito nevica, tutto si ghiaccia, d’inverno i cantieri si fermano.. sembra la roulette: un azzardo! Basta il reclamo di chiunque ne abbia diritto/interesse e possono fioccare sospensive…
Quando a incaponirsi su una questione rischiamo una figuraccia planetaria!
Dal Corriere di oggi:
“A far montare la polemica contribuiscono uno sfogo amaro (poi corretto in battuta provocatoria) del ministro dell’Economia Giorgetti, gli attacchi duri delle opposizioni, la non meno dura reazione del Ciò che rimette in discussione tempi e senso di un’opera di cui si parla dal 2018.”
Le opere olimpiche per il 2026 dovrebbero essere all’insegna della sostenibilità ,il crono programma prevede il test event tra 12 mesi.
Dopo che per 6 anni abbiamo tergiversato e perso tempo a fronte di preventivi che urlavano vendetta ( 126 milioni di euro lievitati ulteriormente ) e bandi andati sempre deserti, è giunta l’idea di una pista “light” termine questo che a stento trattiene dal sorridere tutto il mondo dello sport. Insomma una pista “chip”? Ma non c’è niente di light se si spendono milioni di euro! Sono 20 i bobisti italiani e meno di un centinaio di utenti a livello mondiale. Non a caso il Cio ripete che le piste già esistenti nel mondo sono più che sufficienti.
Come insegna l’esperienza di Torino, in Italia il bob non è uno sport diffuso. Perfino la squadra nazionale è composta da meno di 20 atleti e in Federazione gli iscritti sono 37 tra bob, slittino e skeleton, sia maschile che femminile. Dubito che una struttura ex novo favorisca lo sviluppo di questa disciplina” (fonte: Repubblica)
Si spende denaro pubblico!
Cortina avrà una pista light (?) si, forse, ma costruita da manovalanza straniera (!), ed è verosimile che non si disputeranno comunque le gare! Saint Moritz e Innsbruck sono dietro l’angolo e aspettano sornione!

Commenti