HomeItalian Enterprises

Generali e Mediobanca: Delfin non cambia la linea di Leonardo Del Vecchio, assicura Milleri

Il presidente di Delfin, Milleri, che è di recente succeduto a Leonardo Del Vecchio, conferma una linea di continuità per Generali e Mediobanca ma per entrambe sollecita “un cambiamento profondo di gestione”

Generali e Mediobanca: Delfin non cambia la linea di Leonardo Del Vecchio, assicura Milleri

Generali, scatta la controffensiva di Mediobanca pro Donnet
Berenberg valuta Generali per il 2022 a1,12 euro per azione ma è Allianz la sua best pick
Generali, Calta supera il 7%. De Agostini prepara la vendita delle azioni

Su Generali Mediobanca non si cambia: la finanziaria Delfin, che raccoglie le importanti partecipazioni azionarie collezionate nel tempo da Leonardo Del Vecchio, manterrà (almeno per ora) la stessa linea sostenuta dall’imprenditore recentemente scomparso. Tradotto: non si vende e non si sale. Ad affermarlo, in una lunga intervista al Sole 24 Ore, è il presidente di Delfin, oltre che presidente e Ceo di EssilorLuxotticaFrancesco Milleri, designato dallo stesso Del Vecchio alla sua successione.

Generali e Mediobanca: Delfin gestirà i due investimenti in piena continuità con il passato

Generali, dove Delfin detiene il 9,82% ed è il terzo azionista della compagnia triestina e Mediobanca, in cui a sua volta Delfin ha il 19,4% delle azioni ed è il primo azionista, “sono ottimi investimenti immaginati con Del Vecchio per dare un contributo al Paese, a sostegno della crescita e della stabilità di due campioni nazionali sulle scenario internazionale” e “saranno entrambi gestiti in piena continuità con il passato” pur tenendo conto che la priorità degli investimenti di Delfin “rimane sicuramente Essilux, che per capitalizzazione vale oggi più del doppio di Mediobanca, Generali e Unicredit messe assieme”.

Generali e Mediobanca: per Delfin occorre un profondo cambiamento di gestione

“Continuità – precisa però Milleri – significa che tutte le scelte strategiche fatte da Del Vecchio sono state mosse da una direttrice chiave, un processo costante di trasformazione che per esempio ha portato Luxottica a divenire EssilorLuxottica e Beni Stabili a diventare Covivio”.

Fonte: Firstonline.it

 

Commenti