HomeInternational Banking News

Iran e Usa stanno segretamente trattando un accordo?

Iran e Usa stanno segretamente trattando un accordo?

Le recenti dichiarazioni pubbliche della Guida Suprema iraniana, l’Ayatollah Ali Khamenei, indicano la possibilità di una serie di intese tra Teheran

Un Capolavoro Diplomatico Italiano
Marcia indietro: il peso della Cina nell’economia mondiale sta calando
Tunisia: l’ inverno arabo

Le recenti dichiarazioni pubbliche della Guida Suprema iraniana, l’Ayatollah Ali Khamenei, indicano la possibilità di una serie di intese tra Teheran e Washington.

L’11 giugno, Khamenei ha dichiarato che non c’è “nulla di sbagliato” nel raggiungere accordi con l’Occidente sulla questione nucleare.
L’alto funzionario iraniano ha respinto con forza la ricerca di armi nucleari, insistendo sulla necessità di continuare a collaborare con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). Tuttavia, Khamenei ha invitato i funzionari a non accettare “l’onere di qualcosa di più delle norme di salvaguardia”.

Un nuovo articolo del Wall Street Journal ha confermato gli sforzi segreti tra Teheran e Washington per lavorare al raggiungimento di un “accordo provvisorio” sul programma nucleare iraniano. Si tratta di un nuovo tentativo di ottenere il rilascio dei prigionieri americani detenuti da Teheran e di frenare il programma nucleare della Repubblica islamica, ma non di ripristinare effettivamente il JCPOA del 2015.

Di recente, Axios e alcune testate regionali mediorientali hanno riferito di incontri in Oman, definiti “colloqui di prossimità”, ovvero il primo impegno indiretto noto tra Stati Uniti e Iran da molti mesi a questa parte, per il quale il coordinatore della Casa Bianca per il Medio Oriente Brett McGurk si è recato in Oman l’8 maggio. Tuttavia, l’amministrazione ha cercato di minimizzare la notizia iniziale di Axios, definendola fuorviante e imprecisa.

Mercoledì il WSJ ha rivelato tre serie di colloqui di prossimità in corso che coinvolgono alti funzionari in Oman, oltre a colloqui a New York che coinvolgono l’ambasciatore iraniano alle Nazioni Unite. Uno degli aspetti veramente “nuovi” è il tentativo degli Stati Uniti di negoziare la restituzione degli americani detenuti nelle prigioni iraniane.

Tutto ciò contraddice le dichiarazioni di smentita dell’amministrazione Biden, visto che si tratta di sforzi significativi, che coinvolgono anche alti funzionari. È interessante notare che sia la parte iraniana che quella americana hanno formalmente negato che sia in discussione un accordo provvisorio.

“Abbiamo scambiato messaggi con gli Stati Uniti attraverso l’Oman, e questo continua”, ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Naser Kanani ai giornalisti all’inizio della settimana, mentre le voci si susseguivano.

Ma ha sottolineato che “non esiste un accordo intermedio o alternativo che possa sostituire il JCPOA”. Il Joint Comprehensive Plan of Action avrebbe eliminato le sanzioni in cambio di limiti monitorati al programma nucleare iraniano.

Il coautore del servizio del WSJ, Laurence Norman, ha sottolineato che, sulla base delle nuove rivelazioni, l’obiettivo sembra essere quello di eliminare le sanzioni in cambio di limiti monitorati al programma nucleare iraniano:

Come altri hanno detto, l’obiettivo sembra essere un’intesa informale che potrebbe sbloccare una più ampia de-escalation. Ma anche avvertire l’Iran delle conseguenze di un arricchimento al 90%. Ma non aspettatevi grandi annunci anche se questo si concretizzasse”.

E ha proseguito: “Una teoria è che se un accordo con i prigionieri venisse raggiunto – si noti che questo rimane un “se” – non ci sarebbero ulteriori annunci. Gli Stati Uniti direbbero che qualsiasi denaro aggiuntivo a cui l’Iran accede fa parte dei pagamenti di routine legati all’assistenza umanitaria. L’Iran potrebbe smettere di accumulare il 60%, ma non lo annuncerebbe”. Pertanto, gli sforzi dell’Oman non sono visti come un obiettivo finale di pieno rilancio del JCPOA.

La fonte di notizie regionale Amwaj media group riporta il seguente retroscena che illustra le ultime settimane di attività diplomatica dietro le quinte…

La situazione è talmente seria che il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è sentito in dovere di  dichiarare che il suo Paese “non sarà vincolato” da qualsiasi accordo nucleare che gli Stati Uniti potrebbero potenzialmente raggiungere con l’Iran. Gli USA facciano quello che vogliono, ma se Israele vuole colpire, lo farà. 

Fonte: Scenarieconomici.it

Commenti