HomeHabit & Renewable Energies

Quanto spendono i governi per sostenere le industrie inquinanti?

Ogni anno, circa il 2% del Pil globale viene speso in sussidi alla produzione industriale inquinante. L’articolo del Financial Times

Quanto spendono i governi per sostenere le industrie inquinanti?

Snam, due accordi per diffondere l’idrogeno verde
Pandemic and climate change: two (probably interconnected) emergencies that require the search for new models of sustainable development
Interconnettori: i progetti in campo

I governi di tutto il mondo stanno spendendo almeno 1,8 miliardi di dollari all’anno in sussidi a sostegno delle industrie fortemente inquinanti guidate da carbone, petrolio, gas e agricoltura, secondo una nuova ricerca, nonostante il loro impegno per gli obiettivi del cambiamento climatico. Scrive il Financial Times.

Circa il 2% del prodotto interno lordo globale viene speso ogni anno in sussidi che incoraggiano la produzione o il consumo insostenibile, esauriscono le risorse naturali e degradano gli ecosistemi, hanno concluso i ricercatori indipendenti Doug Koplow e Ronald Steenblik.

Koplow, che ha consigliato i governi sui sussidi, e Steenblik, che ha lavorato all’OCSE sulla questione, hanno identificato i sussidi che hanno valutato avere un impatto negativo in otto settori, tra cui l’edilizia, i trasporti e la pesca.

Il più grande beneficiario delle elargizioni è stata l’industria dei combustibili fossili, che ha goduto di 640 miliardi di dollari all’anno, mentre i settori agricolo e forestale hanno ricevuto rispettivamente 520 e 155 miliardi di dollari, secondo la ricerca. Queste stime sono probabilmente conservative, ha notato, poiché l’esistenza e la dimensione del sostegno governativo non sono sempre riportate.

I sussidi persistono in parte a causa del “potere degli interessi acquisiti”, ha detto il gruppo Business for Nature e B Team che ha commissionato lo studio, una coalizione di più di 70 aziende, industrie e gruppi non-profit.

I risultati arrivano pochi mesi dopo che i negoziatori globali di quasi 200 paesi si sono accordati sul “phaseout dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili” al summit sul clima delle Nazioni Unite COP26, anche se questo impegno non includeva una scadenza.

L’Iran, la Cina e l’India hanno elargito la maggior parte dei sussidi al consumo di combustibili fossili nel 2019, rispettivamente per 87,9 miliardi di dollari, 34 miliardi di dollari e 33 miliardi di dollari, secondo i dati dell’Agenzia Internazionale dell’Energia.

Nel frattempo, Messico, Cina e Argentina hanno fornito il maggior sostegno diretto ai produttori di combustibili fossili, escluse le agevolazioni fiscali, rispettivamente di 11,3 miliardi di dollari, 3,9 miliardi di dollari e 2,5 miliardi di dollari, secondo i dati dell’OCSE. L’analisi dell’OCSE non ha incluso il sostegno fornito da alcune delle maggiori nazioni produttrici di petrolio e gas, come l’Arabia Saudita, a causa di problemi di trasparenza dei dati.

Delta Merner, che guida il Science Hub for Climate Litigation dell’Union of Concerned Scientists, la quale mette in contatto i ricercatori con gli avvocati, ha affermato che i sussidi per i combustibili fossili potrebbero affrontare sfide legali, sulla base del fatto che sono incompatibili con l’obiettivo netto zero di un paese, per esempio.

“Negli ultimi sei mesi c’è stato molto più. . . interesse a capire perché stiamo sovvenzionando questa industria”, ha detto. “Mi aspetto che questa sia un’area in cui il contenzioso inizierà a progredire”.

Dal momento che la genesi delle sovvenzioni potrebbe a volte essere ben intenzionata, come la protezione dei consumatori dai prezzi elevati, la revisione degli schemi dovrebbe garantire che le società vulnerabili non vengano colte di sorpresa dalle riforme, hanno riconosciuto i sostenitori dello studio.

Paul Polman, l’ex amministratore delegato di Unilever che è diventato un attivista, ha detto che è giunto il momento di “fermare il lobbismo egoista e miope che perpetua i sussidi dannosi”.

Più di dieci anni fa, nel 2010, più di 190 nazioni si sono impegnate a eliminare gradualmente o a riformare i sussidi dannosi per la biodiversità entro il 2020.

L’umanità “non aveva mai vissuto su un pianeta con così poca biodiversità”, ha detto Christiana Figueres, ex segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che è anche socio fondatore del B Team. “I sussidi nocivi devono essere riorientati verso la protezione del clima e della natura, piuttosto che finanziare la nostra stessa estinzione”.

Fonte: Startmagazine.it

Commenti