HomeEuropean Banking News

Che cosa sono le banche responsabili?

Che cosa sono le banche responsabili?

Sono istituti di credito che puntano su una finanza sostenibile, adottando criteri sociali e ambientali nella loro attività. La prima in Europa, la Gl

Banche: che cos’è una licenza e-money?
I servizi finanziari via satellite
Banca Ifis per favorire accesso al credito delle PMI sul territorio sigla accordo con CNA Roma

Sono istituti di credito che puntano su una finanza sostenibile, adottando criteri sociali e ambientali nella loro attività. La prima in Europa, la Gls Bank, è nata nel 1974

In occasione del meeting annuale della Global Alliance for banking on values (18-20 aprile 2023) le banche più socialmente responsabili del mondo si sono riunite a New York. I temi trattati riguardavano la crisi climatica, la giustizia razziale e le disuguaglianze economiche.

La Global Alliance for banking on values è una rete di banche indipendenti: ne conta oltre 70 provenienti da 45 Paesi diversi, che si incontrano ogni anno. Il volume dei clienti serviti arriva a 60 milioni, i posti di lavoro a circa 800.000 persone. L’unico istituto italiano a partecipare è Banca etica, tra i membri fondatori della rete e unica banca italiana a farne parte.

Non solo Gabv, in Europa esistono altre 2 organizzazioni di finanza eticaFebea (Federazione europea delle banche etiche e alternative) e Inaise (Associazione internazionale degli investitori nell’economia sociale). 3 organizzazioni diverse ma con caratteristiche e intenti comuni.

L’obiettivo è, prima di tutto, cambiare il sistema finanziario in modo che sia più trasparente e che faciliti uno sviluppo economico sostenibile, ponendo al centro sia le persone ma anche il Pianeta. Puntano, quindi, a trovare soluzioni locali per problemi globali.

«Fare banca basandosi sui valori significa saper riconoscere e gestire i dilemmi etici del nostro tempo e riscoprire le funzioni sociali della finanza in particolare nel poter allocare le risorse in modo efficiente per far prosperare un’economia sostenibile», spiega Ugo Biggeri, Presidente del Cda di Banca etica.

Ma cosa si intende per banche socialmente responsabili? Sono gli istituti che puntano su una finanza sostenibile. Nel settembre 2019, l’Onu ha sancito 6 princìpi sui quali si devono basare le banche responsabili.

 

1. Allineamento della strategia aziendale per contribuire alle esigenze individuali e agli obiettivi della società.

2. Impatto e definizione degli obiettivi, ovvero: aumentare gli impatti positivi riducendo quelli negativi su persone e ambiente.

3. Clienti e consumatori: incoraggiare la clientela a intraprendere pratiche sostenibili e consentire attività economiche che creino prosperità condivisa per le generazioni presenti e future.

4. Stakeholder: collaborare in modo proattivo e responsabile con le parti interessate rilevanti per raggiungere gli obiettivi della società.

5. Governance e cultura: attuazione dei princìpi tramite una governance e una cultura di banca responsabile.

6. Trasparenza e responsabilità: revisione periodica di questi princìpi per essere trasparenti e responsabili sia per quanto riguarda gli impatti positivi che i negativi, e rendere conto del contributo agli obiettivi della società.

 

Negli ultimi anni, il contributo all’economia delle banche etiche è aumentato, soprattutto dopo la pandemia che ha colpito duramente diversi settori. Proprio in questa occasione sono entrate in gioco le banche responsabili, avviando campagne per rilanciare le imprese e concedendo prestiti per i rifinanziamenti.

Inoltre, secondo quanto emerge dal Quinto rapporto sulla finanza etica e sostenibile in Europa, le banche etiche dimostrano un sostegno maggiore all’economia reale rispetto alle banche tradizionali. Sono diverse da quest’ultime: infatti, adottano criteri sociali e ambientali.

Guardando in proporzione, concedono più crediti e offrono più conti correnti e depositi, affiancano in misura maggiore i piccoli risparmiatori e le famiglie, risultano anche meno coinvolte in attività sui mercati finanziari. Infine, hanno una maggiore redditività, risultati meno volatili nel tempo e resistono meglio alle crisi.

Tenendo conto dei numeri, nel 2020 le banche etiche hanno concesso crediti pari al 72,98% del totale, contro il 36,96% del sistema bancario europeo convenzionale.

Questi risultati sono frutto di un percorso lungo: negli anni ’70 (più precisamente nel 1974) nacque la prima banca etica e sostenibile in Europa, ovvero la Gls Bank. Da quel momento in poi, le banche responsabili sono diventate tante e sempre più importanti per il nostro sistema finanziario.

 

Fonte: LaSvolta.it

Commenti