HomeEuropean Banking News

Fotovoltaico: l’ Ue vuole renderlo obbligatorio

Fotovoltaico: l’ Ue vuole renderlo obbligatorio

Il Ritorno all’ uranio
Onu, accordo storico per fermare l’inquinamento da plastica
Possiamo seppellire la CO2 sotto l’oceano?

18 maggio sarà presentato il RePower Eu, un pacchetto di direttrici europee studiato per ridurre al massimo la dipendenza dei Paesi Ue dal gas russo e dalle energie inquinanti.

Le misure prevedono un tetto al prezzo del gas, una forte liberalizzazione delle energie rinnovabili per facilitarne la diffusione sul mercato europeo e agevolarne la burocrazia e gli iter autorizzativi, ma soprattutto l’obbligo di installare pannelli fotovoltaici sugli edifici pubblici e privati.

Bruxelles punta all’aumento della potenza installata sui tetti fino a oltre 500 Gigawatt entro il 2030.

Quanti pannelli fotovoltaici per Italia?

L’Italia deve fare i conti con il “permitting”, ossia la lentezza burocratica sul campo delle energie green.

Il governo Draghi sta cercando di superare i limiti del Decreto Aiuti, con il Decreto Ucraina, che permette di estendere le zone sulle quali poter posare i pannelli. Più celle, dunque, al netto dei vincoli paesaggistici.

Perciò gli impianti fotovoltaici potranno passare da una estensione di 300 a 500 metri per le zone agricole che si trovano intorno a stabilimenti industriali, cave e miniere, e da 150 a 300 metri per le aree collocate nelle fasce adiacenti alle autostrade.

“Ripresa lenta”: il rapporto di Energy & Strategy del Politecnico di Milano

La pandemia e la guerra tra Russia e Ucraina alle porte dell’Europa hanno segnato uno spartiacque tra le abitudini e i consumi del passato e quelle del futuro.

È ormai evidente che dai consumi energetici dipenderanno il futuro delle democrazie occidentali e il benessere e la qualità della vita dei cittadini.

La linea promossa dai governi europei, compreso quello italiano, segue una maggiore indipendenza dai grandi produttori di risorse inquinanti, per raggiungere l’obiettivo emissioni zero e la decarbonizzazione entro il 2050, seguendo la strada della transizione energetica ed ecologica.

Ma è una strada ancora tortuosa.

Secondo il Renewable Energy Report 2022 del gruppo Energy & Strategy della School of Management del Politecnico di Milano, per l’Italia il 2022 è stato “un altro anno sprecato”.

Le installazioni di pannelli fotovoltaici sono ripartite con la ripresa post-pandemica, ma la quantità di nuovi impianti è solo di poco superiore a quella del 2019.

Davide Chiaroni, vicedirettore di Energy & Strategy fa notare che la ripresa è ancora lenta. “Ogni anno che passa – osserva il rapporto – questo spreco diviene sempre più impattante, allontanando decisamente il raggiungimento degli obiettivi al 2030 (72% di fonti rinnovabili nella generazione elettrica) e ancora di più quelli al 2050”.

Fonte: Immobiliare.it

Commenti