HomeCommunication & Tecnologies

Cassa Depositi e Prestiti: avvia la seconda edizione di CDP Cyber Challange

Cassa Depositi e Prestiti (CDP): al via la seconda edizione della CDP Cyber Challenge

Cassa Depositi e Prestiti: avvia la seconda edizione di CDP Cyber Challange

Fonte: Finanzaonline.com Lo scorso 12 dicembre, Cassa Depositi e Prestiti ha dato il via alla seconda edizione della CDP Cyber Challenge, l’Hackath

Da CDP un finanziamento di 30 mln a Unigrà
Corte dei conti. Analisi sulla gestione 2016 di CDP
Cdp-Commissione europea: accordo da 6,7 milioni per consulenza agli investimenti in infrastrutture e sociale

Fonte: Finanzaonline.com

Lo scorso 12 dicembre, Cassa Depositi e Prestiti ha dato il via alla seconda edizione della CDP Cyber Challenge, l’Hackathon ideato al fine di promuovere un senso di responsabilità nelle attività online e diffondere la cultura della cybersecurity tra le nuove generazioni. All’evento era presente anche Nicola Vanin, Chief Information Security Officer e CSO di Cassa Depositi e Prestiti, il quale ha sottolineato la centralità di tali iniziative per individuare i talenti che contribuiranno alla crescita di questo settore in Italia.

Cassa Depositi e Prestiti promuove la cultura della cybersecurity tra i giovani con CDP Cyber Challenge

Cassa Depositi e Prestiti, nell’ottica di promuovere la cultura della cybersecurity, ha ideato CDP Cyber Challenge, quest’anno giunta alla sua seconda edizione. L’Hackathon è un’occasione per i giovani partecipanti di misurare le proprie abilità, lavorare in team e condividere l’esperienza con  professionisti del settore, presenti per fornire un supporto tecnico di alto livello.

Circa venti team si sono sfidati per scoprire le vulnerabilità nei sistemi messi a disposizione dagli organizzatori, affrontando diversi livelli di sfide in modalità “capture the flag”.

Nicola Vanin, CDP: coltivare i talenti della cybersecurity per il futuro del Paese

L’evento, tenutosi a Roma all’Acquario Romano, si è rivolto nello specifico a studenti e studentesse universitari e lavoratori nell’ambito della sicurezza informatica. Per individuare il prossimo talento cyber, Cassa Depositi e Prestiti ha messo alla prova le abilità dei diversi team in sfide di OSINT, Forensics, BlueTeam, RedTeam, Brute Force Attack e Cracking.

Nicola Vanin, Chief Information Security Officer e CSO di Cassa Depositi e Prestiti, ha infatti sottolineato la sicurezza informatica non sia solo una necessità tecnologica, ma una priorità strategica che richiede investimenti continui in competenze e talenti: “Attraverso iniziative come la CDP Cyber Challenge, Cassa Depositi e Prestiti mira a svolgere un ruolo chiave nella formazione dei futuri esperti di cybersecurity. Incoraggiando gli studenti ad affinare le loro abilità attraverso esperienze pratiche, siamo in grado di coltivare i talenti che porteranno innovazione e difesa alle nostre infrastrutture vitali”.

L’investimento nei talenti della cybersecurity – continua Vanin – non è solo una questione di protezione contro minacce immediate, ma parte integrante della strategia a lungo termine per garantire il progresso tecnologico e la sicurezza del Paese, individuando i profili professionali capaci di contribuire strategicamente alla sicurezza nazionale e all’innovazione in questo settore vitale”.

Cassa Depositi e Prestiti in prima linea per la formazione dei giovani in materia di sicurezza informatica

Il riconoscimento di quest’importanza si traduce per Cassa Depositi e Prestiti in un impegno attivo per l’identificazione e la formazione di talenti in questo campo attraverso iniziative come la CDP Cyber Challenge.

Per Alessandro Tatti, Responsabile di Operations, Intelligence e Soluzioni di Sicurezza Cibernetica di Cassa Depositi e Prestiti,Questa challenge non solo mette in luce le competenze degli studenti, ma dimostra anche la rilevanza di investire in formazione e sviluppo nel campo della cybersecurity, sottolineando in modo tangibile il bisogno critico di risorse altamente qualificate e preparate nel settore della sicurezza informatica. Gli investimenti in quest’area non solo proteggono le aziende da potenziali attacchi, ma contribuiscono anche a creare un ecosistema più sicuro e resiliente nel panorama digitale odierno.”.

Sul tema del coinvolgimento dei giovani e dell’esigenza di puntare allo sviluppo di competenze, è intervenuta anche Gaetana Marrone, Responsabile della Governance di Sicurezza di CDP: “La difesa delle infrastrutture digitali è essenziale in un’era in cui l’economia, la sicurezza e il benessere dipendono fortemente dalla tecnologia. Per questo l’investimento nella formazione e nell’istruzione dei giovani in discipline legate alla sicurezza informatica si rende strategico, per preparare le nuove generazioni ad affrontare le sfide digitali future”.

 

Commenti