HomeAgriculture, Automotive, Texiles, Fashion & Other

Invecchiamento: un interruttore per “rallentarlo”

Invecchiamento: un interruttore per “rallentarlo”

Mobile banking usato molto dai giovani
Allarme social, fanno odiare ai giovani e giovanissimi il loro stesso corpo
Bando per terreni agricoli ai giovani con super incentivi: ecco come fare richiesta

Una ricerca italiana apre nuove prospettive per vivere in forma nonostante il passare degli anni. A far luce su alcuni  meccanismi dell’invecchiamento – e sul ruolo di una sorta di interruttore ad hoc – è una ricerca pubblicata su ‘Nature’ da un gruppo di ricercatori coordinato da Stefano Piccolo, del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova e dell’Ifom (Istituto Fondazione di Oncologia Molecolare).

L’invecchiamento è un fenomeno naturale che si accompagna a un progressivo declino di varie funzioni dell’organismo. Per esempio, diminuisce la capacità di rinnovo cellulare, si accumulano danni agli organi e decadono i processi cerebrali, dalla capacità di memoria alla prontezza. Il tutto porta a una generale condizione di fragilità e a un aumentato rischio di insorgenza di malattie, tra cui il diabete e il cancro.

Ma quale è la causa di tutto questo? Perché invecchiamo? Nell’articolo i ricercatori spiegano che una fondamentale causa di invecchiamento è il decadimento dei tessuti detti “di supporto”, o connettivi, normalmente responsabili della forma, del sostegno meccanico e della protezione di tanti organi. In particolare gli scienziati hanno notato che durante l’invecchiamento si assiste a una progressiva diminuzione delle proprietà meccaniche in particolari cellule tipiche di questi tessuti di sostegno, detti fibroblasti.

Queste cellule hanno infatti un sistema tattile estremamente sviluppato con cui si aggrappano a una foresta di proteine a forma di cavi (o liane) che le circonda, mantenendo l’intero tessuto sotto una salutare, giovanile tensione.

I fibroblasti dei giovani mostrano quindi uno stato biomeccanico ideale che, a livello molecolare, si traduce nell’attivazione di un interruttore genico anti-invecchiamento, chiamato YAP/TAZ. Tra le funzioni anti-invecchiamento di questo interruttore c’è la capacità di preservare l’integrità strutturale del nucleo della cellula, che normalmente tiene il Dna ben confinato al suo interno.

“Abbiamo mimato sperimentalmente la perdita biomeccanica nei tessuti connettivi giovani spegnendo l’interruttore YAP/TAZ, e assistendo così a un invecchiamento accelerato associato alla formazione, attraverso l’involucro nucleare delle cellule, di buchi tali da lasciare esposto il Dna – spiega Piccolo – Questa perdita di integrità genera una condizione di stress e di allarme per le cellule. Essa può essere, per così dire, interpretata dalle cellule stesse come se fosse in atto un’infezione di Dna esterno, ovvero come se si fosse introdotto un virus. Ciò a sua volta innesca l’accensione di un altro interruttore, detto STING. La cellula vecchia, quindi, è di fatto una cellula con un’anormale attivazione di sistemi di allarme, che impongono uno stato infiammatorio cronico, tipico della senescenza cellulare”.

Stefano Piccolo

“Un risultato notevole di questi studi è la dimostrazione che l‘invecchiamento potrebbe essere rallentato sia sostenendo le proprietà biomeccaniche dei tessuti, sia bloccando i meccanismi molecolari dell’infiammazione, per esempio con farmaci sperimentali o terapie geniche in grado di interferire con STING”, aggiunge Piccolo.

Lo studio, sostenuto da Fondazione Airc, fa un collegamento finora impensato tra l’invecchiamento e la biomeccanica di cellule e tessuti, e apre a nuove prospettive, anche farmacologiche, per invecchiare in salute e limitare l’incidenza di malattie oncologiche negli anziani.

Fonte: Fortuneita.com

Commenti