HomePortualità e Marittimo

Msc: chiede una concessione di 25 anni nei porti di Bari e Brindisi

Il colosso fondato dalla famiglia Aponte si impegna a investire 4,5 milioni di euro sui due porti pugliesi

Msc: chiede una concessione di 25 anni nei porti di Bari e Brindisi

Fonte: Shipmag.it Msc mette la prua sulla Puglia. Il colosso ginevrino ha avviato la procedura per ottenere, in concessione per 25 anni, il nuovo t

Trasporto, logistica, portualità e progetti per Brindisi “hub” del Mediterraneo
Laboratori urbani, finanziati sei progetti in provincia di Brindisi, Laboratori urbani, finanziati sei progetti in provincia di Brindisi“
Aeroporti: Enav inaugura a Brindisi la prima torre di controllo italiana gestita da remoto

Fonte: Shipmag.it

Msc mette la prua sulla Puglia. Il colosso ginevrino ha avviato la procedura per ottenere, in concessione per 25 anni, il nuovo terminal crociere di Bari (stazione marittima e adiacente sala bagagli) e a Brindisi “i terminal dedicati alle crociere che Adsp e/o Msc dovessero costruire (Costa Morena e/o Sant’Apollinare), con relative aree di parcheggi per pullman, taxi, staff e drop-off a servizio dello stesso terminal”.

Msc, si legge nella documentazione depositata in Autorità portuale e pubblicata sull’Albo Pretorio, ha presentato un piano di investimenti per un totale complessivo per i due porti pari a 4,5 milioni di euro e ha offerto il canone di concessione composto delle seguenti parti:
Canone fisso, eventualmente da aggiornare su base annua in base all’indice Istat
Canone variabile commisurato al traffico passeggeri, consistente in un riconoscimento di un diritto per ogni singolo passeggero movimentato, variabile all’aumentare dei volumi
Canone variabile su base percentuale su ricavi da ancillary revenues, da applicare sulle entrate da attività non generate dalle crociere, nello specifico dagli eventi a pagamento da organizzarsi negli spazi in concessione e dagli affitti dei locali dati in concessione a sub-concessionari (esempio: biglietterie ferries, uffici agenzie, ecc.).

Commenti