HomePortualità e Marittimo

Trasporto marittimo: cosa aspettarsi nel 2023

Trasporto marittimo: cosa aspettarsi nel 2023

Usa e Cina: la nuova guerra per il petrolio iracheno
Kai-Fu Lee, el hombre clave en la Inteligencia Artificial de China
Trump convinto che sarà trovato un accordo con la Cina

Facendo il punto sugli sviluppi del settore marittimo nel 2022, bisogna essere soddisfatti: ogni segmento ha registrato una performance che va da buona a eccezionale. Dall’offshore alle navi da crociera e alle navi GNL, i mercati marittimi sono stati complessivamente redditizi nel 2022, in netto contrasto con i mercati estremamente poveri di un paio di anni prima.

La mente di tutti è su ciò che è “dietro la curva”, come si suol dire. Cosa porterà il 2023 e il breve termine per la spedizione?

A rischio di affermare l’ovvio, nessuno ha una sfera di cristallo, soprattutto per un settore come quello marittimo, che è al crocevia del commercio internazionale, dei mercati finanziari, dei mercati dell’energia e delle materie prime e, naturalmente, della geopolitica. E, come dice Warren Buffett, un’azienda che impiega l’esperienza di un economista ha troppe persone sul suo libro paga! Quindi, invece di cercare di prevedere il futuro attraverso un modello econometrico – che è facile da sconvolgere – guarderemo alle macro tendenze più ampie che hanno il potenziale per spostare l’ago in grande stile.

Fondamenti di mercato

Per cominciare, il portafoglio ordini complessivo in sospeso per la spedizione al momento è piuttosto sottotono, e in generale è piuttosto favorevole. Nessun settore ha un portafoglio ordini in sospeso superiore al cinque percento della corrispondente flotta esistente, che si attesta sostanzialmente tra i livelli più bassi dell’ultimo decennio.

Ci sono alcuni segmenti all’interno di settori in cui il portafoglio ordini raggiunge il 30% in più (ad esempio, navi cisterna GNL, navi portacontainer post-Neopanamax, navi cisterna a lungo raggio rivestite (LR2), ecc.), ma generalmente il numero di navi esistenti in tali segmenti è piuttosto piccolo, consentendo così un’alta percentuale di ordini in sospeso. E la maggior parte degli ordini è destinata a essere consegnata alla fine del 2024 o più tardi.

Pertanto, tutto sommato per il 2023, si può affermare che l’offerta di gas in tonnellata non dovrebbe sopraffare la domanda di tonnellaggio come è avvenuto in diverse occasioni nell’ultimo decennio. Escludendo uno scenario in cui la domanda collasserà (ad esempio, shock esogeno di entità pandemica), l’equazione complessiva dell’offerta di tonnellaggio sembra sostanzialmente bilanciata per il 2023 e l’inizio del 2024.

Dal lato della domanda, molti scenari potenziali possono potenzialmente verificarsi nel 2023, che vanno da una lieve recessione negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati a una profonda recessione per alcune parti del mondo. L’inflazione è in aumento e molte banche centrali saranno estremamente vigili al riguardo e probabilmente agiranno preventivamente, smorzando qualsiasi forte prospettiva di ripresa piuttosto che rischiare un contesto inflazionistico fuori controllo. Pertanto, la domanda sembra arrivare con una “put call”, evitando così uno scenario di domanda fuori misura, almeno strutturalmente.

A conti fatti, guardando strettamente ai fondamentali dell’industria marittima nel 2023, sembra esserci un floor per il mercato – a causa di uno scenario di tonnellaggio equilibrato – mentre la domanda ha anche un tetto, poiché sarà stroncata sul nascere per evitare un’inflazione incontrollata.

Fin qui tutto bene, e se non avessimo saputo di meglio, avremmo detto un mercato noioso per le spedizioni da aspettarsi nel 2023!

Percepiamo, tuttavia, che la noia non è ciò che otterremo nel trasporto marittimo.

Policrisi?

La parola “policrisi” continua a spuntare con maggiore frequenza ultimamente nei rapporti economici e nella stampa. Il termine stesso è stato usato nel 1990 quando l‘Unione europea si stava allungando e piegando con nuovi membri e una nuova valuta, ma ora il termine sembra aver trovato nuova popolarità.

La ripresa da una pandemia che si verifica una volta in un secolo non è stata agevole, con le catene di approvvigionamento e la logistica che non sono riuscite a far fronte al ritorno della domanda e anche al cambiamento dei modelli di consumo. Di conseguenza, i prezzi delle materie prime sono aumentati nel 2022, trainando in parte l’inflazione strutturale. I consumatori con un nuovo atteggiamento YOLO (“si vive una volta sola”) e un po’ di denaro di stimolo in tasca erano felici di pagare per ottenere roba ora, guidando ulteriormente l’inflazione.

Le banche centrali, inizialmente credendo nell’inflazione transitoria, nella seconda metà del 2022 hanno dovuto fare un’inversione a U dura e altamente visibile con i tassi di interesse. Per ora, la giuria non ha ancora deciso se l’inflazione è sotto controllo e una “lieve recessione” è lo scenario più probabile.

Un sacco di incertezza

Non vogliamo apparire come pessimisti o guerrafondai, o persone che vedono il bicchiere mezzo vuoto. Il punto è che c’è molta incertezza nel mondo in questi giorni, a diversi livelli e stadi di cause e risultati.

Nessuna di queste è una variabile “marittima”, in senso stretto, ma chiaramente ognuna di esse può muovere i mercati marittimi. E dato che l’offerta e la domanda di tonnellaggio sono equilibrate e le catene di approvvigionamento, ecc., Sono già allungate, temiamo che non ci vorrà molto per stimolare i mercati marittimi e causarne un picco.

A un certo punto nel 2022 le petroliere di GNL accettavano offerte per il noleggio di $ 500.000 al giorno. Riteniamo che, con l’eccezione di un paio di settori – ad esempio, grandi navi portacontainer (ULCV), perforazioni offshore, ecc. – diversi tipi di risorse marittime avranno i loro “quindici minuti di fama” nel 2023 e il relativo picco di tasso di trasporto.

Fonte: Maritime-executive.com

Commenti