HomePortualità e Marittimo

Fincantieri, verso la fine a Palermo la costruzione della nave militare per il Qatar

Fincantieri, verso la fine a Palermo la costruzione della nave militare per il Qatar

Fincantieri costruirà altre quattro navi per Viking per 1,7 miliardi di euro di Emma Bonotti
Fincantieri vara Norwegian Viva
Fincantieri inizia la costruzione della prima FREMM per l’US Navy

In anticipo sulla tabella di marcia la costruzione che si sta completando al Cantiere navale di Palermo dell’unità anfibia (Lpd – Landing Platform Dock) commissionata a Fincantieri dal ministero della Difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale.

Il primo step di lavori sulla nave è quasi terminato, manca soltanto qualche blocco. L’unità anfibia, comunque, rimarrà in stabilimento fino all’inizio del prossimo anno perché, nel frattempo, il ministero della Difesa del Qatar ha chiesto importanti modifiche che necessitano di altre settimane di lavori.

«Come sempre – dice Francesco Foti, segretario della Fiom di Palermo – i lavoratori dimostrano di possedere un’alta professionalità su tutte lavorazioni: costruzioni, trasformazioni e riparazioni. I lavori sulla nave militare sono quasi al termine. Anzi, continueranno per qualche altro mese, perché dal Qatar sono stati notati i notevoli progressi sulla costruzione e hanno chiesto ulteriori modifiche. Il nostro auspicio – conclude il sindacalista – è che Fincantieri continui a fare arrivare costruzioni di intere navi nello stabilimento palermitano».

L’unità Lpd è progettata in accordo al regolamento Rinamil (regolamento per la classificazione delle navi militari) per garantire collegamenti terra-aria-marini estremamente efficienti. Sarà altamente flessibile e in grado di svolgere diversi tipi di compiti, dagli interventi umanitari al supporto delle forze armate e alle operazioni di terra. La nave avrà una lunghezza di circa 143 metri, una larghezza di 21,5 e potrà ospitare a bordo circa 550 persone. Sarà dotata di due rampe carrabili e di un bacino interno allagabile in grado di ospitare un mezzo da sbarco Lcm (Landing Craft Mechanized) pronto all’uso che può anche essere disposto sul ponte del garage e può essere dispiegato utilizzando un sistema di gru. Il ponte di volo è inoltre dimensionato per ospitare l’elicottero Nh90.

Fonte: il Giornale di Sicilia

Commenti