HomeItalian Enterprises

Fs: colloca green bond da 200 milioni insieme alla Bei per acquistare i nuovi treni

La sottoscrizione è la seconda tranche dell’ammontare di 550 milioni di euro approvato dalla Bei nel 2021 – La scadenza delle obbligazioni è fra 17 anni e il tasso è variabile

Fs: colloca green bond da 200 milioni insieme alla Bei per acquistare i nuovi treni

Cina: progetto nel deserto del Gobi per produrre energia da sole e vento
Il primo motore Airbus a idrogeno arriverà già nel 2026
Accordo Costa Crociere- Trenitalia: per promuovere la mobilità sostenibile e il turismo

Il Green Bond

Fs ha piazzato mercoledì scorso un green bond  Programma Emtn. 

L’ emissione vale 200 milioni di euro ed è stata interamente sottoscritta dalla Banca Europea per gli Investimenti.

La scadenza è a 17 anni con un tasso variabile. L’operazione rientra nel Green Bond Purchase Programme del gruppo Fs e segue l’emissione di 350 milioni di euro sottoscritta lo scorso dicembre (all’epoca, il primo corporate green bond mai acquistato dalla Bei).

Questo permette di rinnovare la partnership tra Fs e la Bei, investendo nella finanza sostenibile, che ormai rappresenterà il futuro.

Il ricavato dell’ emissione sarà devoluto nell’ acquisto di altri treni freccia rossa, sia per linee ferroviarie italiane e spagnole.

Parkin’ Station, il nuovo progetto presentato a Napoli

A Napoli Fs ha fatto sapere di aver realizzato una struttura, Parkin’ Station, in grado di ospitare fino a 360 auto.

L’ opera è stata realizzata da Grandi Stazioni Rail, società del Gruppo Fs co-finanziata dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) con un investimento complessivo di oltre 13 milioni di euro.

Le stazioni, in questo modo saranno al centro di percorsi pedonali che permetteranno alle persone di poter integrare la mobilità per le auto, insieme a percorsi a piedi.

In questo modo renderemo ha spiegato l’ad Ferraris: “le stazioni come un luogo di aggregazione per le persone e  maggiormente funzionali alle esigenze del cittadino, integrando anche sistemi di mobilità differenti. “

Commenti