HomeItalian Enterprises

RFI con Hitachi Rail, Accordo Quadro da 500 milioni per il Sistema ERTMS

RFI con Hitachi Rail, Accordo Quadro da 500 milioni per il Sistema ERTMS

L’Italia corteggia Intel per fabbrica di chip, intesa “entro l’anno”
Cdp-Commissione europea: accordo da 6,7 milioni per consulenza agli investimenti in infrastrutture e sociale
Leonardo firma contratto da 380 milioni di supporto tecnico-logistico per la flotta dell’Aeronautica Militare

Hitachi Rail ha firmato con Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) un Accordo Quadro, del valore di 500 milioni di euro, per la progettazione e la realizzazione dell’ERTMS (European Rail Transport Management System) su 700 chilometri di linee ferroviarie italiane.
La nuova tecnologia è il sistema più avanzato per il controllo dig itale dell’operation dei treni e sarà implementata sulle linee ferroviarie in quattro regioni italiane: circa 480 chilometri di binari in Sicilia, 150 chilometri delle Ex Ferrovia Centrale Umbra e 80 chilometri della linea Roccasecca – Avezzano nelle Regioni Lazio e Abruzzo.

Hitachi Rail è leder nella partnership, per implementare il sistema di segnalamento ERTMS, che include anche Alstom Ferroviaria e Ceit. L’introduzione del sistema comporterà la sostituzione dei segnali luminosi con un sistema di segnalamento digitale a bordo treno creando un servizio che consente di far circolare più treni sulla linea con una maggiore affidabilità e velocità. L’ERTMS punta ad armonizzare i diversi sistemi di controllo dei treni nei paesi europei, creando un sistema ferroviario in Europa senza interruzioni. Il sistema consiste nell’installazione di un nuovo sistema di protezione automatica del treno e nell’introduzione del GSM-R, un sistema radio che consente le comunicazioni tra il binario e il treno.

Questo accordo, il primo progetto tecnologico finanziato da PNRR in Italia, rappresenta un importante passo in avanti verso l’interoperabilità ferroviaria in tutta Europa con enormi vantaggi per i passeggeri. I benefici della tecnologia ERTMS, già in uso sulle linee ferroviarie ad alta velocità, vengono così estesi alle linee ferroviarie regionali in Italia.

La tecnologia ERTMS consentirà ai treni provenienti da altri paesi europei di operare sulle linee italiane senza interruzioni. Prevede inoltre l’attivazione automatica di funzioni di protezione del treno, inclusa la frenatura d’emergenza in caso di pericolo o se la velocità del veicolo superi quella consentita. La rilevazione e la gestione dei guasti e degli imprevisti migliorerà la puntualità e l’affidabilità dei treni.

Il sistema di segnalamento ERTMS garantisce benefici legati alla riduzione dell’impatto energetico dei trasporti, regolando al meglio la velocità, l’accelerazione e la frenatura dei treni lungo i 700 km di binari.
Consente inoltre la salvaguardia dei paesaggi grazie alla possibilità di ridurre gli assets di segnalamento che oggi costeggiano i binari.
Michele Fracchiolla, Executive Officer Sales & Project EMEA & Australia Hitachi Rail dichiara “Siamo particolarmente orgogliosi di questa aggiudicazione: l’ European Rail Transport Management System rappresenta il 50% del primo obiettivo indicato dall’Unione Europea per la realizzazione di progetti tecnologici finanziati dal PNRR. Questo sistema esprime la volontà di estendere i vantaggi derivati dall’evoluzione tecnologica, sperimentata sull’Alta Velocità, alle diverse altre tipologie di linea e in particolare
al trasporto regionale.

Tali vantaggi si legano soprattutto alla supervisione continua e completa del treno,
attraverso le apparecchiature di terra. Il sistema garantirà una maggiore sicurezza nel trasporto ferroviario e di ottimizzare la circolazione de l traffico permettendo il passaggio di un numero maggiore di treni e contribuendo a una maggiore puntualità.”
Hitachi Rail è leader globale nel mercato del segnalamento e vanta il primato in merito all’introduzione della tecnologia ERTMS in Europa, in particolare nel Regno Unito, Italia, Spagna, Svezia e Francia e nei mercati altamente competitivi di Cina e India.

Fonte: Ferrovie.it

Commenti