HomeInternational Banking News

Il dilemma delle banche americane: vendere bond a chi?

Gli istituti statunitensi detengono nei propri bilanci grossi quantitativi di titoli pubblici. Una scelta che a Svb è costata cara. Ora, onde evitare un film già visto, occorre smaltire tali strumenti, prima che i rendimenti sfuggano di mano. Ma, racconta il Wsj, in pochi sono disposti a metterci le mani sopra

Il dilemma delle banche americane: vendere bond a chi?

Fonte: Formiche.net (Caricato da Monica Origgi) Non è panico, non ancora almeno. Ma le banche americane sono destinate a continuare a fare i conti

Cos’è e quanto vale Rhino-bond, il primo bond per la protezione degli animali
Bond: tornano in scena nel 2023
Enel lancia bond da 3,5 miliardi, legato alla decarbonizzazione: boom di richieste

Fonte: Formiche.net (Caricato da Monica Origgi)

Non è panico, non ancora almeno. Ma le banche americane sono destinate a continuare a fare i conti con il fantasma della Silicon Valley Bank, l’istituto saltato per aria ormai un mese fa, sotto i colpi dei rialzi dei tassi, portati avanti dalla Federal Reserve. I fatti sono noti, ma vale la pena riepilogarli.

Svb è andata incontro al fallimento a causa del suo ingente ammontare di prodotti finanziari tarati su un costo del denaro basso o pari a zero, quando non negativo. Nel momento in cui la Banca centrale americana ha deciso di alzare i tassi, ecco che tali titoli si sono improvvisamente deprezzati, trasformandosi in passività e innescando la corsa (emotivamente scatenata dai social) al ritiro dei depositi, prima che il tutto si trasformasse in carta straccia.

Le banche americane portano in dote una grande quantità di titoli pubblici, molto esposti all’andamento dei tassi. Un fardello di cui gli istituti si vorrebbero liberare volentieri, al fine di ridurre al massimo il rischio di un deprezzamento verticale di simili prodotti. Tanto per fare un esempio, Bank of America, Barclays Usa e Morgan Stanley detengono attualmente dai 25 ai 30 miliardi di dollari di debito appeso nei loro bilanci.

Di recente le banche avevano iniziato a smaltire l’arretrato, ma la recente crisi che ha travolto la Silicon Valley Bank ha portato il processo a un punto morto, spiega il Wsj. Tradotto, visto quanto successo a Svb, nessuno vuole questi titoli. Quando le condizioni del credito si deteriorano rapidamente, come è successo quando i tassi di interesse hanno iniziato a salire l’anno scorso per mano della Fed, le banche si trovano di fronte alla difficile scelta di vendere il debito che hanno accettato di sottoscrivere – spesso in perdita – o di tenerlo in portafoglio nella speranza che i mercati migliorino.  Ma l’implosione della Silicon Valley Bank, costretta a vendere tali obbligazioni in perdita, ha reso le grandi banche ancora meno disposte a sopportare perdite di questo tipo e in generale i fondi e gli investitori hanno così deciso di girare al largo dagli istituti.

Commenti