HomeInternational Banking News

L’ipotesi Brexit gela i mercati. Europa in rosso in scia al tonfo dell’Asia, banche in difficoltà

L’ipotesi Brexit gela i mercati. Europa in rosso in scia al tonfo dell’Asia, banche in difficoltà

Il referendum del 23 giugno spaventa gli investitori, che vendono le azioni e comprano i beni rifugio quali oro e titoli di Stato americani, tedeschi

Le banche più efficienti sono le miglio gestite, indipendentemente dalle dimensioni
Intesa Sanpaolo completa la vendita della sua quota in Nexi
Banca Popolare di Sondrio sarà Spa, UnipolSai “apparecchia” per la fusione con Bper

Il referendum del 23 giugno spaventa gli investitori, che vendono le azioni e comprano i beni rifugio quali oro e titoli di Stato americani, tedeschi e giapponesi. La sterlina ai minimi da un mese e mezzo: se la Gran Bretagna lasciasse l’Ue, precipiterebbe ai minimi da trent’anni. Le banche affondano Piazza Affari. Petrolio in ribasso, segnali di stabilizzazione dalla Cina. Oggi l’asta di Btp.

082952000-30b8c4dc-f255-4d87-803c-d4f1e9bc767eMILANO – Ore 10:00. I mercati imboccano il rettilineo finale verso il referendum sulla Brexit, il prossimo 23 giugno, sulla falsariga di quanto mostrato nella seduta di venerdì scorso: forti vendite sul fronte azionario, sterlina in ribasso e corsa verso i beni rifugio quali lo yen, l’oro e i titoli di Stato dei Paesi forti. I listini europei trattano in ribasso in scia a quanto accaduto in Asia, dove il paniere che riassume l’andamento dell’area ha registrato il peggior andamento degli ultimi due mesi. Milano segna un calo dell’1,65%, con le banche colpite da vendite copiose. Francoforte perde l’1,3%, Parigi lo 0,8% e Londra tiene meglio a -0,3%.

Gli ultimi sondaggi, che hanno rafforzato le posizioni degli euroscettici, hanno depresso la divisa britannica, che si è portata ai minimi da un mese e mezzo in area 1,416 dollari; secondo gli analisti – qualora il voto dovesse portare all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione – il pound raggiungerebbe rapidamente i livelli minimi da trent’anni. Non mancano ovviamente coloro che scommettono su questo possibile scenario: secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission, hedge fund e speculatori stanno puntando sulla debolezza della sterlina con una forza che non si vedeva dal giugno 2013. Bloomberg aggiunge che il Bitcoin si sta rivalutando di fronte a tanta incertezza, trattando ai massimi dal febbraio 2014.

090014390-708dc70a-8480-47e5-ab96-f64a99c30edaNella prima mattinata, la Borsa di Tokyo ha chiuso in picchiata del 3,51%. Hong Kong ha lasciato sul parterre il 2,6%, Shanghai il 3,21% e Shenzhen il 4,76%.

L’euro è sostanzialmente stabile stamane nei confronti del dollaro, ma in calo rispetto allo yen: la moneta unica viene scambiata a 1,126 sul biglietto verde e a 119,4 yen. Lo spread tra Btp e Bund è in rialzo, in attesa dell’asta di Btp del Tesoro. Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi si attesta a 139 punti. Il rendimento si ferma all’1,41%.

Sull’umore degli investitori pesano anche i dubbi sulle Banche centrali: si attendono indicazioni da parte della Fed e della Bank of Japan, le cui riunioni sono in agenda rispettivamente mercoledì e giovedì prossimo. Dalla Banca centrale americana non si aspetta il secondo rialzo dei tassi – dopo quello avvenuto a dicembre – ma Janey Yellen potrebbe lasciare aperta la porta a un ritocco del costo del denaro a luglio, anche se ormai la maggioranza degli osservatori prevede si debba attendere la fine dell’anno per la stretta monetaria. L’agenda marco odierna si concentra sulla Cina, dove i dati confermano la stabilizzazione dell’economia: la produzione industriale è salita del 6% annuo a maggio (in linea con le attese), mentre le vendite al dettaglio hanno segnato un +10%, solo leggermente inferiore alle aspettative. In rallentamento, infine, gli investimenti fissi con un +9,6% anno a maggio.

Come accennato, tra le materie prime viene premiato il bene rifugio per eccellenza: l’oro è salito ai massimi da oltre tre settimane toccando oggi i 1.278,50 dollari l’oncia, il massimo dal 18 maggio scorso. Dall’inizio dell’anno il lingotto si è apprezzato del 20%. Il petrolio risente della debolezza generale e – dopo aver rivisto quota 52 dollari poche sedute fa – tratta ancora in rosso: il greggio ha perso stamani l’1,8%, aggravando il -4,2% registrato negli ultimi due giorni di contrattazioni della settimana scorsa. Il future sul Wti è quotato 48,21 dollari al barile con un ribasso di 86 cent. In calo anche il Brent che ha perso stamani 74 cent a 49,80 dollari al barile.

Wall Street riapre dopo i cali di venerdì scorso, quando comunque i listini hanno recuperato dai minimi registrati durante le contrattazioni, quando un sondaggio pubblicato dall’Independent aveva assegnato il 55% di possibilità alla vittoria della Brexit. Gli Usa guardano con grande attenzione alla riunione della Federal Reserve di domani e dopodomani. Nessuno si aspetta un aumento dei tassi; il focus sarà sulle stime economiche e sulle parole in conferenza stampa del governatore Yellen, che daranno lumi sulla tempistica di un’eventuale stretta futura. Il Dow Jones ha perso lo 0,67%, per un calo dello 0,3% durante l’intera settimana, mentre lo S&P500 ha limato lo 0,92% nella seduta di venerdì e lo 0,15% nell’ottava. Peggio il Nasdaq, che ha perso rispettivamente l’1,3% circa sia venerdì che nella settimana.

Fonte: repubblica.it

Commenti