HomeEuropean Banking News

Solidarietà espansiva con trasformazione accordi

Solidarietà espansiva con trasformazione accordi

Linkem e Sirti rafforzano la liason: sistemi di system integration per pmi
Voucher digitali 4.0 per le PMI, come funzionano e come richiederli
Emirati: la EDB concede prestiti alle Pmi
La Certificazione Unica (CU) ha sostituito il vecchio CUD: ecco in cosa consiste l’adempimento obbligatorio per i datori di lavoro e cosa cambia rispetto al passato.

I contratti di solidarietà difensiva possono trasformarsi in solidarietà espansiva, effettuando nuove assunzioni: il decreto del Governo.

SolidarietàPer incrementare l’organico o inserire nuove professionalità in azienda è possibile trasformare i contratti di solidarietà difensiva in espansiva: lo prevede un correttivo al Jobs Act approvata dal Consiglio dei Ministri del 10 giugno (che modifica il dlgs 148/2015) ed ora in commissione alle Camere, per un parere non vincolante, con successiva approvazione definitiva  in CdM.

L’opzione è destinata alle imprese che hanno in corso un contratto di solidarietà difensiva da almeno 12 mesi oppure stipulati prima del primo gennaio 2016. La trasformazione non può prevedere una riduzione d’orario superiore a quella già concordata.

Riduzione orario

  • Il contratto di solidarietà espansiva introdotto con il Jobs Act e disciplinato dall’articolo 41 del Dlgs 148/2015, serve a incrementare gli organici tramite riduzione di orario e retribuzione (fino 15% il primo anno, al 10% e 5% nei successivi due).
  • Il contratto di solidarietà difensiva, prevede una riduzione di orario e di stipendio con l’obiettivo i salvaguardare i livelli occupazionali, mantenere posti di lavoro in caso di crisi aziendale.

Trasformazione

In base al decreto messo a punto dal Governo, al lavoratore che passa da solidarietà difensiva a espansiva va un trattamento di integrazione salariale pari al 50% di quella che sarebbe spettata prima della riduzione d’orario, mentre il restante 50% è a carico del datore di lavoro senza che sia imponibile ai fini previdenziali (i lavoratori beneficiano dell’accredito figurativo).

C’è anche una parte di trattamento a carico delle gestioni previdenziali di appartenenza, che pagano le quote di TFR perse durante il periodi di solidarietà, mentre la contribuzione addizionale a carico del datore di lavoro è ridotta del 50%.

C’è infine una norma che riguarda solo le grandi imprese di interesse strategico nazionale, che proroga la riduzione contributiva in misura superiore al 20%.

Requisiti

Nei 12 mesi precedenti le assunzioni, il datore di lavoro non deve aver effettuato riduzioni di personale né richiesto la cassa integrazione ordinaria. Le nuove assunzioni non devono determinano, nelle unità produttive interessate, una riduzione della manodopera femminile rispetto a quella maschile, o viceversa.

Fonte: pmi.it

 

Commenti