HomeCommunication & Tecnologies

iPhone 7, conferme sui 256 GB di memoria: caratteristiche, immagini e presentazione

iPhone 7, conferme sui 256 GB di memoria: caratteristiche, immagini e presentazione

Il ruolo dell’intelligenza artificiale nella customer experience
Da ansia a problemi privacy, 50 effetti negativi dei social
Facebook sta per rinunciare alla sua criptovaluta

iphone

Apple avrebbe scelto 256 GB di memoria interna per i suoi nuovi iPhone. È quanto riportano da mersi ormai le indiscrezioni, adesso riprese dai colleghi della redazione di DigiTimes che, citando fonti interne agli stabilimenti di produzione dei melafonini, è sicura di questo nuovo quantitativo. Tuttavia, non viene fatta distinzione sul modello al quale questo quantitativo sarebbe destinato lasciando intendere che i numeri uno di Cupertino avrebbero deciso di introdurlo sia su iPhone 7 che su iPhone 7 Plus.

I costruttori di chip NAND Flash tra cui Samsung Electronics e SK Hynix, infatti, avrebbero aumentato i prezzi dei loro chip di memoria in vista di un imminente quanto grande richiesta per i nuovi smartphone. In particolare “per iPhone 7 che avrà fino a 256 GB”. Prezzi che continueranno ad aumentare sensibilmente durante tutto il 2016 per poi calare all’inizio del prossimo anno assieme alla richiesta generale degli smartphone. A gestire questo quantitativo di memoria, che potrebbe eliminare il taglio da base da 16 GB, ci sarà il chip A10.

Si tratta di un System On Chip con processore Dual Core e GPU PowerVR 7 con 12 Core, due unità a loro volta supportate da memorie RAM LPDDR4 con un elevata larghezza di banda. Gli ingegneri Apple avrebbero scelto 2 GB di RAM per iPhone 7 e 3 GB di RAM per il modello Plus. Il motivo di questa differenza è presto detto: il melafonino nella versione con lo schermo da 5.5 pollici avrà una doppia fotocamera posteriore da 12 MegaPixel la cui gestione, al fine di garantire la migliore esperienza di utilizzo, necessiterebbe di maggiore memoria.

Ma un ulteriore GigaByte di RAM non guasterebbe anche sulla versione più piccola che nel tempo potrebbe godere di nuove funzionalità da parte dello stesso sistema o dalle singole applicazioni. Secondo le più recenti indiscrezioni, sui nuovi iPhone, che a livello estetico saranno molto simili a quelli attuali, cambierebbero anche gli schermi ed il tasto Home. I primi dovrebbero essere due pannelli LCD: uno Full HD da 4.7 pollici di diagonale per iPhone 7 e uno 2K da 5.5 pollici di diagonale per iPhone 7 Plus.

Un miglioramento consistente se si considera che gli attuali melafonini offrono solo 750 x 1334 pixel e 1080 x 1920 pixel sul modello più grande. Peccato che un aumento della risoluzione obbligherebbe gli sviluppatori a rivedere il codice delle applicazioni già presenti sul Play Store per renderle compatibili con i nuovi terminali. Per quanto riguarda il tasto Home, invece, l’azienda di Cupertino avrebbe scelto di sostituire il tasto meccanico con uno a sfioramento in grado di replicare il feeling della pressione tattile attraverso un sistema di vibrazione come quello dei trackpad dei MacBook.

Confermata, invece, l’assenza del jack audio rimpiazzato dalla porta Lightning e sostituito, a livello estetico, da un secondo speaker. Completerebbbero la dotazione hardware una batteria da 1960 mAh per iPhone 7 e da 3000 mAh per iPhone 7 Plus. Nessuna informazione è disponibile sul prezzoche come sempre non sarù dei più economici. Per averne la certezza bisognerà attendere l’evento di presentazione che Tim Cook e i suoi potrebbero programmare per il 7 settembre.

Se la presentazione fosse davvero il 7 settembre e i preordini iniziassero il 9 settembre, potremmo aspettarci l’arrivo ufficiale nei negozi il 16 settembre. Tra la data di annuncio e quella di commercializzazione, infatti, raramente passano più di due settimane; considerando, poi, che Apple lancia sul mercato gli iPhone di venerdì, abbiamo due possibili date: il 16, appunto, o il 23 settembre. Quest’ultimo sarebbe però un po’ troppo distante rispetto alle tempistiche a cui la casa di Cupertino ci ha abituato in questi anni, ma mai dire mai.

fonte International Business Times

Commenti