HomeCommunication & Tecnologies

Solare termodinamico da record, Dubai annuncia il progetto da 1000 MW

Solare termodinamico da record, Dubai annuncia il progetto da 1000 MW

Presto cambierà la modalità di accesso al proprio account Google
Il smishing via SMS aumenta sotto le feste: smartphone sotto attacco
Nell’era covid, fintech batte banca. Parola di pmi

Sarà realizzato entro il 2030 il più grande impianto termodinamico con modello IPP. L’Autority emiratina aprirà a breve una gara pubblica per individuare i partner del progetto

saeedaltayer

Partner commerciali cercasi per realizzare l’impianto solare termodinamico più grande al mondo. L’annuncio è quello fatto proprio in questi giorni dalla Dubai Electricity & Water Authority (DEWA) intenzionata a premere l’acceleratore sulla Clean Energy Strategy 2050 dell’emirato. La nuova centrale avrà una potenza spaventosa: mille megawatt da realizzare (in più fasi) entro il 2030. Con la speranza di tramutarli in cinquemila megawatt in un futuro più lontano. La notizia arriva direttamente dal capo della DEWA Saeed al Tayer, secondo cui la prima fase del progetto prevede la messa a regime di duecento megawatt entro l’aprile del 2021.

 

Una volta conclusi i lavori, la mega centrale rappresenterà il più grande progetto di solare a concentrazione mai realizzato al mondo utilizzando il modello IPP (acronimo di Independent Power Producer – Produttore di energia indipendente). Di che si tratta? L’IPP è un’entità che possiede strutture per generare energia elettrica da rivendere a utility e utenti finali con contratti del tipo Power Purchase Agreement, che assicurano un prezzo fisso all’energia per un periodo di tempo di circa 20 anni. L’autorità è alla ricerca di aziende private per la realizzazione e gestione dell’impianto e la successiva vendita dell’energia prodotta. “Si tratterà del più grande progetto di energia solare concentrata nel mondo”, ha aggiunto il funzionario emiratino, confermando l’intenzione del DEWA di aprire a breve una gara pubblica internazionale per individuare le compagnie.

 

A regime, il progetto permetterà di ottenere una riduzione di circa 6,5 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio all’anno.
“Un importante vantaggio degli impianti CSP è che il calore solare, che viene utilizzato per produrre energia elettrica, può essere immagazzinato facilmente, il che permette di fornire elettricità anche dopo il tramonto”, ha aggiunto Tayer. L’impianto sarà composto da migliaia eliostati a inseguimento solare, posizionati intorno a una torre di assorbimento. Il progetto utilizzerà l’accumulo termico per 8-12 ore al giorno.

Chissà che, una volta completato l’immenso parco termodinamico, Dubai non riesca a superare lottima offerta – 2,99 centesimi di dollaro al kilowattora per i prossimi 25 anni – nel prezzo dell’elettricità, presentata peril  Mohammed bin Rashid al-Maktoum solo qualche settimana fa.

Fonte: Rinnovabili.it

 

Commenti