HomeTecnofinanza

Gruppo Hera, ok Cda a Piano industriale 2017- 2020

Gruppo Hera, ok Cda a Piano industriale 2017- 2020

Arbismart: la migliore strategia per trarre profitto da un crollo di Bitcoin
Abu Dhabi’s ADQ reveals $545m plan for digital bank
ETF VIX: cosa sono e come funzionano

Mercoledì 11 gennaio 2017, il Consiglio d’Amministrazione del Gruppo Hera ha approvato il Piano industriale al 2020, con obiettivi economici in crescita e indicatori patrimoniali finanziari in miglioramento. Sulle solide basi dei dati preconsuntivo del 2016, il Piano approvato approvato dal Cda Hera, in linea con il precedente documento strategico, conferma il percorso di crescita che il Gruppo ha seguito in questi anni, imperniato sia sulla crescita organica sia sullo sviluppo per linee esterne, con l’obiettivo di consolidare i vantaggi competitivi acquisiti negli anni e cogliere le nuove opportunità che si presenteranno sul mercato, puntando su efficienze e soluzioni innovative.

Il Piano al 2020, inoltre, è sorretto da investimenti molto importanti per circa 2,5 miliardi di euro (250 milioni in più rispetto al precedente documento strategico), che serviranno ad alimentare la crescita del quinquennio, ma anche a rispondere al meglio ai principali trend industriali emergenti dalle logiche di Economia Circolare e Valore Condiviso, che vedono il Gruppo Hera offrire un contributo tangibile a 10 dei 17 obiettivi dell’Agenda ONU, alle nuove esigenze della clientela da soddisfare con nuove soluzioni, fino alle più recenti evoluzioni legate all’Industria 4.0 e a tutti i processi di digitalizzazione, raccolta ed analisi dei dati e diffusione nelle nostre città di infrastrutture “intelligenti”. In un settore in profonda trasformazione, diventa indispensabile per il Gruppo fare leva sulla propria solidità ed efficienza per poter cogliere questi trend e continuare a rafforzare la propria leadership.

Si conferma il modello di business del Gruppo, con un obiettivo di MOL al 2020 pari a 1.080 milioni di euro, ovvero 50 milioni in più rispetto al target 2019 del precedente Piano, con una importante crescita nel biennio 2017-2018. Un aumento del MOL in arco Piano per quasi 200 milioni rispetto al 2015, ottenuto grazie al contributo equilibrato di crescita interna ed esterna.

Tomaso Tommasi di Vignano, Presidente Esecutivo Hera, commenta: “Il Piano appena approvato conferma un percorso di crescita, sostenuto dalle tradizionali leve di efficientamento e sviluppo per linee esterne e rafforzato dall’utilizzo di nuove tecnologie. Il miglioramento della nostra solidità finanziaria ci consente da un lato di riconfermare e migliorare ulteriormente la politica dei dividendi perseguita negli ultimi anni, dall’altro di considerare la profonda trasformazione in atto nel settore come una ulteriore opportunità di sviluppo anche in termini di possibili M&A, come già sperimentato nel passato.”

Stefano Venier, Amministratore Delegato Hera, aggiunge: “Innovazione, sostenibilità ed efficienza energetica sono solo alcuni dei temi del nostro Piano industriale, attento a trarre vantaggio dai nuovi trend dell’Industria 4.0, Economia Circolare e Customer Experience. La conferma della nostra leadership nei mercati di riferimento è sorretta dai vantaggi competitivi che ci siamo costruiti negli anni e siamo pronti ad affrontare sempre nuove sfide. Anche questo Piano è stato elaborato nel rispetto degli equilibri finanziari che ci hanno caratterizzato fin qui, con l’obiettivo da un lato di rafforzare il nostro standing creditizio assieme al mantenimento di un basso profilo di rischio, dall’altro di continuare a creare valore per tutti i nostri stakeholder, garantendo l’opportuna flessibilità finanziaria per nuovi sviluppi.”

sestopotere.com

Commenti