HomeTecnofinanza

Wall Street Journal: l’insurtech è il nuovo fintech

Wall Street Journal: l’insurtech è il nuovo fintech

Banks in Mexico Pose Greater Money Laundering Risk Than Crypto Firms, Says Report
Il far west dei Bitcoin è un po’ meno selvaggio. Nasce l’albo dei cripto-operatori italiani
Trump’s Orders on Coronavirus Relief Create Confusion

shutterstock-424788115-161017154610_bigSecondo il quotidiano della finanza internazionale le startup del settore assicurativo sono il target più interessante per i venture capitalist, mentre gli investimenti su nuove imprese vicine al mondo bancario sono in una fase di stallo. La conferma dal successo dell’evento InsurTech Connect a Las Vegas

A Las Vegas la conferenza InsurTech Connect (5-6 ottobre) ha sancito il boom dell’insurtech: startup, venture capitalist e compagnie di assicurazione hanno preso parte massicciamente all’evento, che è andato oltre le aspettative degli stessi organizzatori: pare che alla conferenza inaugurale sia stato necessario l’intervento delle guardie di sicurezza per evitare che le persone continuassero a riversarsi nella sala già stracolma.

Così racconta il Wall Street Journal in un suo articolo, suggerendo che tale esplosione del fenomeno insurance tech sia anche effetto della massima attenzione dei venture capitalist, un fatto questo, dimostrato dai trend negli investimenti che continuano a crescere nei confronti di startup tecnologiche focalizzate sul filone assicurativo, mentre altri settori fintech (anche l’insurance in realtà fa parte di questo ambito) in particolare il “lending” dopo un avvio promettente a inizio anno sembrano ora stagnanti.

“Nel corso degli ultimi 18 mesi il numero di fondatori di startup del settore assicurativo è cresciuto notevolmente”, ha detto al WSJ Rodolfo Gonzalez, partner di Foundation Capital. – Per gli investitori di venture capital che sono sempre alla ricerca “del prossimo settore”, e vedono ambiti del fintech come il lending “saturi”, gli sviluppi dell’insurtech sono incoraggianti.”

Secondo i dati riportati dal WSJ, il fintech ha visto nell’ultimo trimestre 2016 un calo degli investimenti del 57% rispetto allo stesso periodo del 2015 (945 milioni di dollari) e inferiore anche rispetto al trimestre precedente che ha raggiunto importi per 1 miliardo di dollari circa.

Invece, nell’insurance technology gli investimenti crescono, infatti nell’ultimo trimestre i VC hanno chiuso deal per 167 milioni di dollari: le cifre investite sono ancora rispetto al resto del fintech, ma è la positiva crescita dell’insurtech a essere significativo in un’industria (quella assicurativa) che a livello globale vale 4,8 trilioni di dollari

insuranceup.it

Commenti