HomePortualità e Marittimo

Traghetti ibridi ed elettrici più grandi del mondo

Partnership fra Wärtsilä, Stena e Brittany Ferries per tre unità in costruzione in Cina e in consegna nel 2024 e 2025

Traghetti ibridi ed elettrici più grandi del mondo

Chip: alleanza tra big per sviluppare prodotti di nuova generazione
Eni con Holcim per sviluppare una tecnologia per l’utilizzo della CO2
Come la blockchain può essere utile nella filiera delle terre rare

La multinazionale finlandese Wärtsilä fornirà il suo sistema di propulsione ibrida per tre nuove navi ro-pax attualmente in costruzione per Stena RoRo, una delle maggiori maggiori compagnie di traghetti attive in Europa. Secondo quanto reso noto dal produttore di motori due dei traghetti commissionati in Cina avranno una capacità delle batterie di 11,5 MWh, il che li rende le più grandi navi ibride del settore marittimo fino ad oggi. Questa potenza della batteria è circa il doppio di quella normalmente utilizzata attualmente per la propulsione ibrida. L’ordine è stato effettuato a maggio 2022.

Le navi sono state progettate e sviluppate da Stena RoRo e Brittany Ferries e saranno noleggiate a lungo termine a Brittany Ferries per operare tra Portsmouth nel Regno Unito e i porti francesi di St Malo e Caen. Wärtsilä era già stata incaricata in precedenza di fornire un’ampia gamma di soluzioni per le navi, inclusi i motori principali e ausiliari, i cambi, le eliche a passo variabile, i propulsori, il sistema di alimentazione del gas combustibile, la navigazione e l’automazione Nacos, nonché il controllo integrato sistema di allarme e monitoraggio. Le navi saranno in grado di funzionare con carburante Gnl o batterie.

Le navi sono in costruzione presso il cantiere navale China Merchants Jinling (Weihai) e la loro consegna è programmata nel 2024 e nel 2025.

Le navi saranno dotate del sistema di accumulo di energia Leclanché di ultima generazione – il Navius ​​MRS-3 – che presenta un vantaggio sia in termini di dimensioni che di peso rispetto a batterie marine comparabili. “Stena vuole essere all’avanguardia nella decarbonizzazione della nostra flotta e, insieme ai nostri partner, spingere gli sviluppi verso operazioni a emissioni zero” ha commentato Per Westling, amministratore delegato di Stena RoRo: “L’ibridazione consente alle nostre navi di essere altamente flessibili mentre ci adattiamo agli sviluppi tecnologici futuri, inclusi combustibili verdi, celle a combustibile, batterie più grandi e propulsione supportata dal sole o dal vento”.

“Brittany Ferries è orgogliosa di assumere un ruolo guida nel trasporto marittimo sostenibile, lavorando con i nostri partner per portare navi più pulite nelle regioni in cui operiamo” ha aggiunto Christophe Mathieu, Ceo di Brittany Ferries. “La tecnologia ibrida si inserisce nel nostro programma di rinnovo della flotta e seguirà l’introduzione di due navi alimentate a Gnl. Dal primo giorno di operatività, porti come St Malo in Francia e Portsmouth nel Regno Unito beneficeranno di queste navi ibride più pulite. La capacità di alimentazione a terra significa che si realizzeranno ulteriori vantaggi, nella misura in cui gli investimenti dei porti in infrastrutture plug-in lo consentano”.

“L’ibridazione è un modo per dare forma alla decarbonizzazione dell’industria marittima. Questo ordine rafforza ulteriormente la leadership di Wärtsilä nel segmento ibrido. Le ampie dimensioni della batteria consentiranno alle navi di funzionare a piena potenza, utilizzando sia le eliche che tutti i propulsori per manovrare senza emissioni dentro e fuori i porti, anche in caso di maltempo. La soluzione di alimentazione da terra integrata caricherà le batterie durante l’ormeggio” ha commentato Håkan Agnevall, Presidente e Ceo di Wärtsilä. ”

Fonte: Shippingitaly.it

Commenti