HomeLa Riflessione

L’ intervista su Repubblica del Generale di Corpo d’ Armata della riserva Antonio Bettelli

L’ intervista su Repubblica del Generale di Corpo d’ Armata della riserva Antonio Bettelli

L’INTERVISTA su REPUBBLICA a ANTONIO BETTELLI, Generale di Corpo d’Armata della riserva, dopo aver scritto due lunghe e profonde riflessioni sul sito

ANTONIO BETTELLI È RESPONSABILE NAZIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE NAZIONALI INTERNAZIONALI EUROPEE DIFESA E SICUREZZA DEI LIBERALDEMOCRATICI ITALIANI
IL RUGGITO DEL LEONE
PUNTO DI SITUAZIONE E DI “COSTITUZIONE”

L’INTERVISTA su REPUBBLICA a ANTONIO BETTELLI, Generale di Corpo d’Armata della riserva, dopo aver scritto due lunghe e profonde riflessioni sul sito di settore Perseo è stato intervistato da REPUBBLICA sul caso Vannacci. – la sintesi é che in realtà tutto è “Il contrario del mondo al contrario” perché i proclami che incitano alla diseguaglianza espressi da Vannacci sono in realtà essi stessi una vera contrarietà rispetto all’ordine naturale della vita, che è dono per tutti (!) e verso il quale correrebbe un obbligo di riconoscenza, ancor più per chi abbia l’onore di servire lo Stato”.
Poi è fondamentale, specie per i giovani e anche per le giovani leve dell’Esercito stesso , non confondere le opinioni personali con l’Istituzione Militare. Non a caso l’Ordinamento Militare prevede, in questi casi , che si richieda l’autorizzazione ai propri Superiori.
Infine ci sono i 12 Principi Fondamentali della Costituzione che oltre a dover essere rispettati da ognuno di noi, per l’alto valore espresso, sono l’alveo imprescindibile entro cui è fondamentale muoversi per sensibilità, buon senso e rispetto dei dettami costituziinali .
Riporto tre domande e relative risposte dell’intervista di Repubblica al Generale Bettelli:
1)Coraggio e onore cosa sono, per un militare? Risponde Bettelli:
«Valori morali che fanno riferimento alle norme della Repubblica, quindi della Costituzione. In questi giorni di confusione ho sentito il bisogno di rileggere i primi 12 articoli della nostra Carta, consiglio tutti a farlo: le istituzioni perseguono l’eguaglianza con il contrappeso della libertà».
2) Le idee di Vannacci sono minoritarie nell’esercito?
«Ritengo di sì, non sempre il maggior clamore è espressione della maggioranza. Nell’esercito la maggioranza è quasi per definizione silenziosa….”
3) Si dice: c’è la libertà di parola e vale anche per i militari.
«C’è. Poi nel caso delle pubblicazioni di norma si chiede sempre un placet ai superiori. Dopodiché ai servitori dello Stato è richiesto un approccio di moderazione, ancor più se si indossa l’uniforme e si ha la possibilità di far valere la propria autorità in situazioni estreme. Penso sia un tratto distintivo del buon militare, non è un codice formale ma deontologico. Il rischio è che i nostri concittadini confondano le opinioni di un singolo con tutta l’istituzione».

Fonte: Linkedin

Commenti