HomeLa Riflessione

Dati Aran sulle retribuzioni nel Pubblico Impiego: il commento della FLP

Dati Aran sulle retribuzioni nel Pubblico Impiego: il commento della FLP

“Le nostre Pubbliche Amministrazioni restano poco attrattive. Per il livello delle retribuzioni, che sono tra le più basse dell’Unione Europea, nonost

PA, Marco Carlomagno, FLP: “Con il lavoro agile maggiore qualità di vita per l’80% dei dipendenti del Consiglio dei Ministri, miglioramento di flessibilità, organizzazione e innovazione per il 67%
D.E.F. 2023: nessuna previsione di riforma pensioni per il 2024
CENTRALITÀ E RUOLO DELLE FUNZIONI LOCALI NEL SISTEMA PAESE

Le nostre Pubbliche Amministrazioni restano poco attrattive. Per il livello delle retribuzioni, che sono tra le più basse dell’Unione Europea, nonostante il costo della vita nel nostro Paese sia tra i più alti, specie nelle grandi aree metropolitane, dove maggiore è la richiesta di nuovo personale. Per la mancanza di prospettive di crescita professionale all’interno di strutture organizzative ormai ingessate che, in ossequio alle politiche di spending review susseguitesi in questi decenni, hanno visto bloccate le carriere e il riconoscimento delle professionalità, per non parlare dell’assenza quasi totale di adeguate politiche formative” commenta Marco Carlomagno, Segretario Generale FLP in merito alla diffusione dei dati Aran di oggi sulle retribuzioni nel pubblico impiego.

Retribuzioni nel Pubblico Impiego: il commento della FLP

I numeri snocciolati stamani, presentati per dimostrare come il lavoro pubblico non sia meno pagato di quello privato, non mostrano che i dipendenti pubblici siano ben remunerati, ma che in Italia esiste un problema di tenuta salariale per tutto il mondo del lavoro, sia pubblico che privato.

In particolare le retribuzioni analizzate dall’Aran:

  • si basano su una media delle diverse Amministrazioni che hanno livelli salariali (indennità e salari di produttività) molto diversificati tra loro e non tengono conto della collocazione reale del personale nelle diverse Aree professionali degli operatori, degli assistenti e dei funzionari;
  • Sono dati aggregati delle diverse voci stipendiali che non evidenziano la variabile legata all’età media del personale che si attesta tra i 55 e i 60 anni e che, pur nella ristrettezza delle risorse stanziate negli anni, ha comunque maturato una retribuzione diversa dai neo assunti;
  • E soprattutto sono calcolati su base lorda, e quindi non tengono conto del prelievo fiscale che sui lavoratori dipendenti assume un peso rilevante. In buona sostanza la retribuzione netta mensile d’ingresso, comprensiva di stipendio e indennità fisse nelle Amministrazioni del Comparto delle Funzioni Centrali (Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti Previdenziali), come confermato dalle tabelle allegate al CCNL FC 2019/2021 e dai dati della Ragioneria Generale dello Stato sul costo del lavoro pubblico, a malapena raggiunge i 500 euro per i funzionari e i 1.350 euro per gli assistenti, la cui assunzione è pure prevista in molte Amministrazioni in numero rilevante con le procedure bandite per il PNRR. Analoga, se non peggiore, la situazione nelle Funzioni Locali dove i Comuni sono alle prese con le assunzioni PNRR. Retribuzione che rischia di restare congelata per anni, a causa del ritardo con cui si rinnovano i Contratti nazionali di lavoro, dell’esiguità dei Fondi destinati alla produttività e al merito, delle farraginose procedure di sviluppo economico, dilazionate nel tempo e soggette alla disponibilità delle risorse nelle singole Amministrazioni.

Per cambiare veramente passo, rendere attrattive le Amministrazioni, raggiungere gli ambizioni obiettivi del PNRR, non serve rimescolare le carte ma è necessario che vengano rafforzati gli organici, stanziate le risorse necessarie a dare effettività e concretezza al nuovo ordinamento professionale e alla formazione, rinnovati i CCNL scaduti a dicembre 2021” conclude Carlomagno.

Tabelle

 

Fonte:lenrerepubblica.it

Commenti