HomeHabit & Renewable Energies

Rinnovabili: nel 2015 7,7 mln di occupati nel mondo. Soprattutto in Cina

Rinnovabili: nel 2015 7,7 mln di occupati nel mondo. Soprattutto in Cina

Consumo di suolo, per monitorarlo nasce ‘Soil Monitor’
Green Hydrogen Tech Accelerator, una visione di ecosistema per affrontare la sfida dell’idrogeno verde
Edison cambia logo e punta sulle rinnovabili

irenaL’occupazione nel settore delle energie rinnovabili è aumentata di oltre un milione di posti di lavoro nel corso dell’ultimo anno. Attualmente sono infatti 7,7 milioni le persone che, in tutto il mondo, lavorano nel settore delle energie rinnovabili.

Ad annunciarlo è il nuovo rapporto dell‘International Energy Renewable Agency (Irena) che spiega come il numero degli occupati nel settore delle rinnovabili sia aumentato del 18 per cento rispetto allo scorso anno. 
Come negli anni precedenti, l’occupazione nelle energie rinnovabili varia a seconda delle zone, dei settori, della crescente concorrenza, dei progressi nelle tecnologie e nei processi di produzione., spiega il documento. I posti di lavoro nel settore delle rinnovabili stanno aumentando soprattutto in Asia, in particolare in Cina, India, Indonesia, Giappone, e Bangladesh. Al contrario Europa e Stati Uniti rappresentano oggi il 25 per cento dei posti di lavoro a livello globale di energia rinnovabile, rispetto al 31 per cento nel 2012.
I 10 Paesi con  maggior dati sull’occupazione nelle rinnovabili sono la Cina, il Brasile, gli Stati Uniti, India, Germania, Indonesia, Giappone, Francia, Bangladesh e Colombia. L’industria del solare fotovoltaico è il più grande datore di lavoro delle energie rinnovabili in tutto il mondo con 2,5 milioni di posti di lavoro, seguita da biocombustibili liquidi con 1,8 milioni di posti di lavoro, e l’energia eolica, che ha superato un milione di posti di lavoro per la prima volta quest’anno. Ma l’aumento dell’occupazione si registra in tutto lo spettro delle energie rinnovabili: solare, vento, biocarburanti, biomasse, biogas e piccoli impianti idroelettrici.
L’energia rinnovabile continua ad affermarsi come uno dei principali datori di lavoro a livello mondiale, generando forti vantaggi economici e sociali a livello mondiale”, ha detto il direttore generale di Irena, Adnan Z. Amin. “Questo aumento dipende, in parte, dal calo dei costi tecnologici delle energie rinnovabili, che crea più posti di lavoro di installazione, gestione e manutenzione. Ci aspettiamo che questa tendenza verso l’alto continui anche in futuro e che il business dell’energia rinnovabile continui a rafforzarsi” ha continuato il numero uno dell’agenzia internazionale per le energie rinnovabili.
“Se continuiamo a investire nelle energie rinnovabili e in tutti i molteplici benefici economici, ambientali e sociali ad esse collegati, l’occupazione nel settore continuerà a salire. La ricerca di Irena stima che raddoppiare la quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale entro il 2030, si tradurrebbe in più di 16 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo” ha concluso Amin.
 fonte altrenativasostenibile

Commenti