HomeProblemi sociali

L’ alcolismo: e le conseguenze che produce

L’ alcolismo: e le conseguenze che produce

La crisi ucraina e le ripercussioni internazionali a lungo raggio
Lo spazio fa buon sangue
La crisi ucraina, fra Stati Uniti, Russia e Cina

L’ alcolismo è un tema di rilevanza sociale, perché molte persone si lasciano tentare dall’ alcool per risolvere i propri problemi personali, perché pensano che l’ alcool faccia dimenticare la loro sofferenza e riescono anche, solo per un bricino di tempo a riuscire a provare l’ ebrezza di una “sorta di felicità” che creano nella loro bolla, pensando che quella sia l’ unica strategia per far scivolare la tristezza che avvolge la loro vita.

L’ alcolismo al contrario, è classificata tra le dipendenze e non solo non ci permette di guarire da dolore, ma provoca danni anche, sulle persone che ci stanno vicino, finendo per essere vittime di un sistema che nella maggior parte dei casi  che distrugge tutto ciò che c’è intorno, lasciando solo cicatrici e ferite, che diventano difficili da ricucire, e anche danni alla propria famiglia, perché si trovano con qualcosa che non sono in grado di gestire e a volte, si finisce talmente male, da non poter accettare più la situazione circostante.

L’ alcolismo rovina tutti i rapporti e difficilmente ci riesce a disintossicarsene, perché alla fine ci troviamo con la bottiglia a pensare a tutti i danni che abbiamo causato e diventa troppo tardi per tornare indietro, perché abbiamo compromesso anche, la nostra salute fisica e mentale, fino a raggiungere l’ apice che questa dipendenza porta dietro e a volte farsi perdonare dalle persone diventa molto difficile, se non a volte impossibile.

Pensando, che stiamo bene, continuano a bere, perché l’ alcool ha la capacità di cancellare per mezzo secondo tutto il nostro passato o tutto ciò che abbiamo dovuto passare ma questa non è una soluzione è solo un modo di sfogarsi che, non porta da nessuna parte, non solo è autodistruttivo, ma ci fa perdere tempo prezioso e anche, tanto tempo della nostra vita.

A cura di Monica e Tiziana Origgi

 

Commenti