HomeEuropean Banking News

Ignazio Visco (Bankitalia) “le riforme per rilanciare imprese e lavoro. Qualche comportamento imprudente e fraudolento da dirigenti e amministratori”

Ignazio Visco (Bankitalia) “le riforme per rilanciare imprese e lavoro. Qualche comportamento imprudente e fraudolento da dirigenti e amministratori”

Bankitalia. A novembre scende il debito pubblico italiano
Bankitalia segnalò le irregolarità delle Banche venete
Banca d’Italia: “Meno rischi per le banche, famiglie e imprese meno vulnerabili”

Il presidente della banca D'Italia Ignazio Visco durante il suo intervento al 'State Of The Union' in corso a Fiesole, 5 maggio 2016. ANSA/MAURIZIO DEGL'INNOCENTI

Avanti con le riforme strutturali “per rilanciare l’attività d’impresa e creare maggiori, e migliori, opportunità di lavoro, in particolare per i giovani”. E’ questa la strada obbligata da percorrere, cogliendo quelle condizione molto favorevoli offerte dalla politica monetaria, indicata dal Governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, nella sue Considerazioni finali.   “I frutti dell’azione di riforma tendono a vedersi soprattutto nel tempo; quanto più è organico il disegno, più chiara la prospettiva, tanto prima – evidenzia il Governatore – si può influire sulla fiducia e sulle aspettative. Bisogna puntare a riportare la produttività delle imprese, dell’economia nel suo complesso, su un sentiero di crescita solido e stabile: l’innovazione, l’investimento devono beneficiare di un ambiente che li favorisca e li premi”. “Le priorità di riforma – sottolinea Visco – sono chiaramente individuate: consistono innanzitutto nella rimozione degli ostacoli all’attività d’impresa derivanti dai fenomeni di illegalità, da inefficienze delle amministrazioni pubbliche e della giustizia civile, da inadeguatezze nella regolamentazione dell’entrata e dell’uscita delle imprese dal mercato, da limitazioni alla concorrenza, da disponibilità e incentivi insufficienti per gli investimenti nell’innovazione, nella ricerca e nel capitale umano”. “I risultati ottenuti sul mercato del lavoro, la diminuzione degli arretrati nella giustizia civile, dovuta soprattutto alle misure di riduzione del contenzioso adottate in questi anni, sono esempi – prosegue Visco – che segnalano come le riforme intraprese possano essere efficaci anche se i loro effetti si esplicano soprattutto nel medio periodo”.  “La riforma della Pubblica amministrazione varata lo scorso anno dal Parlamento è un passo importante”, dice ancora Visco. “Gli effetti sull’attività economica e sulla vita dei cittadini dipenderanno – spiega- dalle modalità e dai tempi della sua attuazione. Va dato rinnovato impulso all’opera di semplificazione amministrativa e di ridisegno delle strutture. Le iniziative volte ad agevolare l’identificazione dell’utente e il pagamento dei servizi via internet daranno un contributo alla digitalizzazione del Paese”.    “Il miglioramento del mercato del lavoro e le misure di sostegno al reddito varate dal Governo si stanno riflettendo favorevolmente sui consumi”” ha affermato ancora Visco che a conclusione ha dichiarato “La gran parte del nostro sistema bancario ha affrontato la crisi con coraggio e trasparenza, ma in non pochi casi agli effetti di una recessione lunga e profonda si sono sommati quelli di comportamenti imprudenti e a volte fraudolenti da parte di amministratori e dirigenti”.

Fonte: tribunapoliticaweb.it

Commenti